MOSCA CONDANNA INTERVENTO USA IN VENEZUELA

Pubblicato il 22 agosto 2017 alle 15:04 in Russia Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Per la prima volta dallo scoppio della crisi venezuelana, Mosca prende posizione contro gli Stati Uniti che hanno minacciato Caracas di intervento militare.

In Venezuela le controversie devono essere risolte pacificamente e senza interferenze esterne, esercito compreso, ha dichiarato il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov.

Lavrov durante una conferanza stampa. Fonte: mid.ru

Lavrov durante una conferanza stampa. Fonte: mid.ru

“Ci è sembrato importante, sopra ogni cosa, ribadire la nostra posizione sulla situazione in Venezuela. Siamo fermi sulla necessità di superare rapidamente le differenze esistenti nel Paese con mezzi pacifici, attraverso il dialogo nazionale e senza alcuna pressione esterna, per non parlare della minaccia inaccettabile di un intervento militare in questo Paese, come duramente condannato dalla stragrande maggioranza dei Paesi latinoamericani” — ha dichiarato Lavrov dopo l’incontro con il ministro degli Esteri della Bolivia Fernando Huanacuni Mamani, in visita ufficiale a Mosca.

Senza citarlo direttamente, Lavrov ha condannato le dichiarazioni di Donald Trump. Venerdì 10 agosto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dichiarato che Washington stava prendendo in considerazione tutte le opzioni per il Venezuela, compreso l’intervento militare.

In precedenza in Venezuela i cittadini erano stati chiamati alle urne per votare l’Assemblea Nazionale Costituente, che si occuperà di modificare la Costituzione del 1999. La convocazione di questo organo è un’iniziativa del presidente Nicolas Maduro, che l’opposizione, che domina il parlamento, non riconosce. Questi eventi hanno esasperato le proteste che infiammano il Paese dallo scorso aprile, in cui sono rimaste uccise più di 120 persone.

Mosca, finora, si è sempre limitata a condannare “ingerenze esterne” in Venezuela, senza riconoscere ufficialmente l’Assemblea Costituente, ma sostenendo di fatto la posizione di Nicolás Maduro.

La Bolivia è invece uno dei cinque paesi ad aver riconosciuto la legittimità dell’Assemblea Costituente venezuelana, assieme a Cuba, El Salvador, Ecuador e Nicaragua. Il presidente del paese, Evo Morales, è tra i principali alleati di Maduro nel continente.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Venezuela

MADURO L’EROE: IL VENEZUELA VISTO DAI SUOI ALLEATI

A dispetto della condanna della comunità internazionale, a Cuba e in altri paesi il processo costituente lanciato da Maduro è visto come “una vittoria del Venezuela” e le proteste sono frutto dell’ingerenza straniera. E la minaccia di intervento militare statunitense rinforza questa opinione

America Latina Bolivia

Bolivia e Cuba consolidano relazioni bilaterali durante la visita del vicepresidente cubano a La Paz

Il vicepresidente cubano, Miguel Díaz-Canel, ha affermato questo lunedì che la sua visita in Bolivia ha permesso di consolidare l’eccellente stato delle relazioni bilaterali tra i due paesi fratelli

America Latina Bolivia

Bolivia, l’ex presidente Quiroga chiede a Morales di rinunciare a nuovo mandato

L’ex presidente boliviano Jorge Quiroga ha invitato il presidente Evo Morales a seguire i passi del paraguaiano Horacio Cartes e a non ricandidarsi alle elezioni del 2019

America Latina Bolivia

La Bolivia attacca gli USA all’ONU sulla Siria

Membro non permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, La Paz ha duramente attaccato Washington sull’attacco missilisitico contro le forze del presidente siriano Assad

America Latina Bolivia

Evo Morales denuncia il ‘golpe’ della OEA contro la presidenza boliviana

Nuove accuse da parte del presidente boliviano che ha accusato la OEA di voler destabilizzare i governi democraticamente eletti dell’America Latina.

America Latina Bolivia

Tensione diplomatica tra Cile e Bolivia

A causa delle dichiarazioni offensive nei confronti della Presidente e del paese, il governo di Santiago ha negato il visto diplomatico al ministro degli esteri boliviano Ferreira, che intendeva rendere visita a nove funzionari detenuti in Cile.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.