IRAQ: 30MILA CIVILI IN FUGA DA TAL AFAR

Pubblicato il 21 agosto 2017 alle 21:05 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il capo della polizia federale, il maggiore generale Raed Jawdat, ha affermato che le forze della polizia, sostenute dalle forze di mobilitazione popolare, hanno ripreso il controllo del villaggio strategico di Mullah Jasim, situato ad ovest di Tal Afar, dopo soltanto un giorno di combattimenti.

L’operazione militare irachena a Tal Afar per liberare l’area dall’occupazione dello Stato Islamico è iniziata ieri, 20 agosto. Tal Afar rappresenta l’ultima grande roccaforte dello Stato Islamico nella provincia di Ninive, nel nord dell’Iraq.

Le forze irachene avevano iniziato a bombardare l’area il 16 agosto, per indebolire il nemico prima dell’avvio dell’operazione miliare vera e propria. La città è sotto il controllo dell’ISIS dal 15 giugno 2014. La conquista da parte dell’ISIS aveva causato lo sfollamento di migliaia di persone. Il numero è aumentato negli scorsi giorni a causa delle operazioni di allontanamento degli sfollati dalla città, prima dell’inizio degli scontri.

Secondo quanto riferito oggi, 21 agosto, dalla missione delle Nazioni Unite in Iraq, circa 30mila civili sono fuggiti da Tal Afar, dopo poche ore dall’inizio della battaglia. La rappresentante della missione, Lise Grande, ha affermato che “migliaia di persone stanno fuggendo da Tal Afar per salvarsi. Le famiglie viaggiano per dieci – dodici ore, nonostante le temperature molto elevate, per raggiungere i punti di aggregamento degli sfollati”.

Grande ha riferito che circa 150 famiglie fuggite da Tal Afar sono riuscite a raggiungere i campi profughi situati nella regione del Kurdistan iracheno, già sovraffollati.

Secondo quanto riferito da Al-Arabiya in lingua araba, alcuni profughi sarebbero stati fermati in due aree ad est di Mosul e gli sarebbe stato impedito di entrare in Kurdistan.

La missione delle Nazioni Unite in Iraq prevede che un numero ancora crescente di civili abbandoneranno la zona per fuggire dal conflitto, considerando anche le condizioni difficili in cui stanno vivendo le persone nella città, a causa della mancanza di cibo, acqua e beni di prima necessità.

Grande ha invitato tutte le parti coinvolte a evitare l’uccisione di civili negli attacchi e ad assicurarsi che questi ricevano gli aiuti umanitari previsti dal diritto internazionale umanitario.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Rifugiati iracheni. Fonte: Wikimedia Commons.

Rifugiati iracheni. Fonte: Wikimedia Commons.

 

Leggete anche:

Iraq: al via l’operazione di Tal Afar

ISIS: una nuova roccaforte sta per essere assaltata in Iraq

di Redazione

Articoli correlati

Iraq Medio Oriente

Iraq: Erdogan minaccia sanzioni contro il Kurdistan

Erdogan ha minacciato l’imposizione di sanzioni al Governo regionale del Kurdistan, se questo non rinuncerà al referendum

Iran USA e Canada

Usa-Iran: parla Rex Tillerson

In seguito al discorso di Donald Trump all’Onu, il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha incontrato il ministro degli Esteri iraniano, Javaad Zarif

Medio Oriente Turchia

Turchia: potenziate le misure di sicurezza al confine con la Siria

L’esercito turco ha potenziato le misure di sicurezza al confine con la Siria, attraverso l’invio di circa 200 veicoli militari

Siria USA e Canada

Siria: USA evacuano la base di Zank

Le forze americane e gli alleati arabi hanno evacuato la base di Zank che era stata allestita a giugno nel deserto siriano, vicino al confine con l’Iraq, inviando il personale presso al-Tanf

Iraq Medio Oriente

Iraq: al via la battaglia di Al-Anbar

L’Iraq ha annunciato l’inizio delle operazioni militari per sottrarre i distretti di Anah e Al-Rihana, nella zona occidentale del governatorato di Al-Anbar, al controllo dello Stato Islamico

Arabia Saudita Medio Oriente

Arabia Saudita – Gran Bretagna: accordi militari

L’Arabia Saudita e la Gran Bretagna hanno firmato un accordo quadro di cooperazione in ambito militare e della sicurezza


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.