EGITTO: ENTRA IN VIGORE L’ACCORDO DI TIRAN E SANAFIR

Pubblicato il 18 agosto 2017 alle 6:23 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Gazzetta Ufficiale egiziana N. 33 del 17 agosto 2017 ha pubblicato la decisione del presidente egiziano Abd Al-Fattah Al-Sisi in merito al trasferimento della proprietà delle isole di Tiran e Sanafir alla sovranità saudita.

L’accordo, che ridefinisce i confini marittimi tra Arabia Saudita ed Egitto, meglio noto con il nome di “Tiran  e Sanafir”, era stato ratificato da Al-Sisi il 24 giugno 2017. Nella giurisprudenza egiziana, la ratifica da parte del Presidente costituisce l’ultimo passo dell’iter giuridico, di conseguenza, con la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, l’accordo è entrato ufficialmente in vigore.

La ratifica del Presidente era avvenuta dopo che, il 14 giugno 2017, il Parlamento egiziano aveva approvato l’accordo in seduta plenaria, nonostante l’opposizione del popolo, che aveva iniziato una serie di proteste, represse dall’intervento della polizia.

La questione di Tiran e Sanafir risale all’anno scorso e, in particolare, all’8 aprile 2016, quando, durante una visita di stato saudita in Egitto, re Salman ed Al-Sisi avevano firmato un accordo, secondo il quale la sovranità delle due isole del mar Rosso sarebbe stata trasferita al Regno saudita, mentre la subordinazione amministrativa sarebbe rimasta all’Egitto.

La proprietà delle due isole è contesa da molto tempo, a causa della loro collocazione strategica, proprio sulla rotta marittima che collega il porto giordano di Aqaba e quello israeliano di Eilat. Le isole storicamente erano proprietà egiziana, ma nel 1957 sono iniziate le prime rivendicazioni da parte dell’Arabia Saudita, sostenuta dagli Stati Uniti. Le trattative vere e proprie per la cessione delle isole al Regno saudita sono iniziate nel 2010.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Il presidente dell'Egitto, Abdel Fattah Al-Sisi. Fonte: President of Russia.

Il presidente dell’Egitto, Abdel Fattah Al-Sisi. Fonte: President of Russia.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.