LA CRISI CON LA COREA DEL NORD IN 10 DOMANDE

Pubblicato il 16 agosto 2017 alle 11:48 in Asia Corea del Nord

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Perché la Corea del Nord è così determinata a diventare una potenza nucleare capace di colpire il territorio americano? 

Il regime di Pyongyang è convinto di avere bisogno di armi nucleari per difendersi da un’imminente invasione da parte degli Stati Uniti e della Corea del Sud.

Le minacce della Corea del Nord di colpire gli Stati Uniti sono realistiche?

La Corea del Nord è in grado di colpire il territorio degli Stati Uniti, ma non ha ancora sviluppato la tecnologia per controllare con precisione la traiettoria dei suoi missili così da indirizzarli verso un obiettivo preciso. Il 4 e 28 luglio 2017, la Corea del Nord ha lanciato con successo i suoi primi due missili balistici intercontinentali e il 15 agosto ha dichiarato di avere approvato il piano strategico per colpire la base militare Usa sull’isola di Guam. In seguito, Pyongyang si è astenuta dal colpire la base di Guam e dal 28 luglio al 25 agosto non ha effettuato test di lancio missilistici, suscitando reazioni positive da parti degli Stati Uniti che si sono dichiarati pronti a riaprire il dialogo. Il 21 agosto gli Usa e la Corea del Sud hanno iniziato le esercitazioni militari congiunte e la Corea del Nord il 26 agosto ha lanciato 3 missili a corto raggio in direzione della Corea del Sud e il 29 agosto un missile balistico a medio raggio che ha sorvolato il cielo del Giappone.

Che cosa ha fatto la comunità internazionale di fronte agli ultimi test di missili balistici della Corea del Nord?

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità una nuova risoluzione, la n. 2731, che prevede sanzioni più dure nei confronti di Pyongyang. Le sanzioni pongono il bando sulle esportazioni di carbone, ferro, piombo, minerali di ferro e frutti di mare. A tutti i paesi viene anche vietata l’assunzione di nuovi lavoratori provenienti dalla Corea del Nord e la creazione di joint ventures con aziende nordcoreane. In seguito al lancio missilistico del 29 agosto, il Giappone ha chiesto una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza per rafforzare le sanzioni.

Che cosa pensa la Corea del Sud della possibilità dell’intervento militare degli Usa in Corea del Nord?

Il presidente della Corea del Sud – Moon Jae-in – è contrario e vorrebbe una soluzione negoziale. Ha inoltre dichiarato che nessuna azione militare verrà condotta sulla penisola coreana senza il suo consenso preventivo.

Perché gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di aiutarli per risolvere la questione nordcoreana?

La Cina è il principale alleato politico e partner militare della Corea del Nord, per questo gli Usa sperano che una maggiore pressione da parte di Pechino su Pyongyang possa far tornare Kim Jong-un sui suoi passi. Pechino è accusata da Washington di non aver fatto abbastanza. In risposta alle accuse, la Cina ha interrotto le importazioni di carbone dalla Corea del Nord nel mese di febbraio e dal 15 agosto ha indetto l’embargo delle importazioni di ferro, minerali ferrosi e prodotti ittici.

Qual è la “ricetta cinese” per la risoluzione delle tensioni tra Corea del Nord e Usa?

La Cina, ritenendo che Usa e Corea del Nord siano responsabili della crisi allo stesso modo, chiede agli Usa di interrompere le esercitazioni militari con la Corea del Sud e alla Corea del Nord di interrompere gli esperimenti missilistici, con quello che definisce il “doppio stop”. La Cina è convinta che Kim Jong-un tornerebbe al negoziato, se vedesse una diminuzione di quella che reputa una minaccia di assedio da parte di Washington e Seoul. Purtroppo, l’installazione del THAAD ha accresciuto la determinazione del dittatore della Corea del Nord ad andare avanti.

Che cos’è il THAAD?

Il THAAD – Terminal High Altitude Air Defense – è uno scudo anti-missile che gli Stati Uniti hanno venduto alla Corea del Sud e che è in grado di intercettare e colpire i missili nella loro ultima fase di lancio. La Cina si è sempre opposta all’installazione del THAAD perché lo reputa destabilizzante per la regione e lesivo dei suoi interessi. Pechino teme che i potenti radar del THAAD possano fornire informazioni sensibili sulle sue basi militari agli Stati Uniti. L’installazione del THAAD verrà completata entro la fine del mese di agosto 2017.

Se si arrivasse al conflitto armato tra Usa e Corea del Nord, cosa farebbe la Cina?

Pechino interverrebbe in favore della Corea del Nord solo se saranno gli Stati Uniti ad attaccare per primi Pyongyang. Se, invece, Pyongyang dovesse attaccare per prima, la Cina rimarrebbe neutrale.

Perché la Cina e la Russia sono dirette interessate nella questione nordcoreana?

I due giganti hanno tutto l’interesse di salvaguardare l’esistenza del regime nordcoreano, loro alleato, e non vorrebbero assistere a un’ulteriore espansione americana.

Quale futuro ci attende?

Se la Corea del Nord non si fermerà, agli Usa rimarranno due opzioni. La prima è la guerra che potrebbe provocare fino a un milione di morti. La seconda è che gli Stati Uniti riconoscano lo status di potenza nucleare a Pyongyang, il che significherebbe che i rapporti di forza nel Pacifico si evolverebbero in favore della Cina contro le ambizioni americane.

Ilaria Tipà

Bandiera della Corea del Nord, Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera della Corea del Nord, Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.