TURCHIA – IRAN: ACCORDO DI COOPERAZIONE

Pubblicato il 16 agosto 2017 alle 18:54 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il capo di stato maggiore dell’esercito iraniano, il generale Mohammad Bagheri, ha incontrato il suo omologo turco, il generale Hulusi Akar, ad Ankara per discutere della cooperazione strategica e della sicurezza nel campo della sicurezza dei confini e di come affrontare le attività del PKK turco e iraniano. Il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) è un partito politico e paramilitare curdo ritenuto illegale in Turchia.

All’ordine del giorno vi erano anche la situazione in Siria e Iraq, il referendum sull’indipendenza del Kurdistan dall’Iraq, le ripercussioni della crisi del Golfo nella regione e la riconquista della città irachena di Tal Afar ancora sotto il controllo dello Stato Islamico.

Dopo l’incontro con il proprio omologo turco, che si è tenuto martedì 15 agosto 2017, il generale Bagheri incontrerà anche il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. È stato fissato anche un incontro tra i membri della delegazione iraniana e i propri omologhi turchi, in particolare i comandanti delle forze della marina, dell’aviazione e dell’esercito.

Secondo quanto riportato da Al-Jazeera in lingua araba, si tratta della prima visita di una delegazione militare iraniana in Turchia a così alto livello.

La visita si è svolta in un momento significativo, in cui la regione vive una fase delicata in termini di sicurezza, in particolare in Siria, Iraq e Iran. Tale situazione richiede un profondo coordinamento tra i due Paesi.

Durante l’incontro, le due parti hanno affrontato i dettagli della costruzione del muro turco al confine con l’Iran. L’11 agosto 2017, la Turchia ha iniziato la costruzione di un nuovo muro al confine con l’Iran, che si estenderà per circa 70 km. Secondo quanto riferito dalle autorità turche, l’obiettivo del muro sarebbe quello di potenziare la sicurezza al confine, per prevenire attacchi terroristici provenienti dall’Iran e il contrabbando alla frontiera.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. Fonte: Wikimedia Commons

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.