IMMIGRAZIONE: L’ITALIA GUARDA ALL’ETIOPIA

Pubblicato il 11 agosto 2017 alle 7:39 in Europa Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

96,438 migranti sono giunti in Italia dal primo gennaio al 6 agosto 2017. Quando si parla di immigrazione, il primo Paese che viene in mente è la Libia, giacché  Roma, dallo scorso 4 febbraio, ha concluso una serie di accordi con l’autorità del governo di Tripoli e la sua Guardia Costiera per migliorare la gestione dei flussi migratori. Tuttavia, per fronteggiare l’emergenza migranti, il nostro Paese non sta guardando soltanto alla Libia.

Il 9 agosto, la Farnesina ha reso noto che l’Italia ha donato un contributo del valore di 2 milioni di euro per effettuare una serie di interventi di cooperazione con l’Etiopia, a favore dei rifugiati che si trovano nel Paese africano. Come si legge nel comunicato: “Si tratta di un’azione umanitaria di emergenza che offre sostegno concreto ai numerosi rifugiati, soprattutto eritrei, distribuiti nella regione di accoglienza del Tigray”. La nuova iniziativa prevederà anche il finanziamento di ulteriori progetti di assistenza alle comunità ospitanti, per contribuire alla stabilizzazione dell’area. L’Italia spera che, attraverso il miglioramento delle condizioni di accoglienza e integrazione dei rifugiati, tale contributo possa essere inserito in un’ottica più ampia di lotta al traffico di esseri umani. A tale riguardo, il ministro degli esteri, Angelino Alfano, ha commentato: “Si tratta di un importante segno di solidarietà a un Paese fortemente impegnato nel controllo dei flussi migratori e nell’accoglienza dei rifugiati e si colloca nel quadro della cooperazione rafforzata con i Paesi africani di transito”.

L’Etiopia è uno degli attori principali del Corno d’Africa, sia sul piano economico, sia sul piano della sicurezza. Il Paese ospita il quartier generale dell’Unione Africana ed è un membro dell’Intergovernmental Authority on Development (IGAD), un’organizzazione politico-commerciale composta dagli Stati del Corno d’Africa, fondata nel 1986, con sede in Gibuti. Tra il 2013 e il 2015, l’Etiopia ha ospitato più di 670,000 rifugiati, provenienti soprattutto dalla Somalia, dal Sud Sudan e dall’Eritrea. Nel giugno 2016, le UN Refugee Agency ha reso noto che, nella sola Addis Abeba, erano presenti 17,345 profughi.

Sofia Cecinini

Rifugiati etiopi. Fonte: Wikimedia Commons

Rifugiati etiopi. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.