LIBIA: LA POSIZIONE DELL’EGITTO

Pubblicato il 8 agosto 2017 alle 16:19 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Lunedì 7 agosto 2017, il generale a capo dell’esercito libico di Tobruk, Khalifa Haftar, ha incontrato al Cairo il capo di Stato maggiore egiziano, Mahmoud Hegazy, per discutere i prossimi passi per risolvere la crisi libica. Hegazy è anche a capo del Comitato libico-egiziano che si occupa della questione libica e aveva già incontrato separatamente Al-Serraj e Haftar.

Secondo un comunicato dell’esercito egiziano, “le due parti hanno discusso le possibilità per uscire dalla situazione di stallo politico in Libia e hanno esaminato i risultati delle ultime trattative francesi riguardo alla crisi”. Le due parti hanno sottolineato l’importanza “di investire in tutti i risultati positivi per raggiungere un compromesso politico che realizzi le aspirazioni del popolo libico senza trascurare le costanti nazionali”.

Martedì 25 luglio, il primo ministro del governo di Tripoli, Fayez Al-Sarraj, e il generale Haftar, si erano incontrati a Parigi per discutere la situazione della Libia. L’incontro era stato guidato dal presidente francese, Emmanuel Macron. L’obiettivo era trovare una via d’uscita alla crisi della Libia per stabilizzare il Paese e porre fine al conflitto che lacera la Libia dall’uccisione dell’ex presidente, Muammar Gheddafi, avvenuta il 20 ottobre 2011 a Sirte. Durante l’incontro, le parti avevano promesso di impegnarsi nel raggiungimento di un accordo sul cessate il fuoco in Libia e nell’organizzazione delle elezioni, che dovrebbero svolgersi nei primi mesi del 2018.

L’Egitto aveva accolto favorevolmente l’accordo tra Al-Serraj e Haftar. Il 25 luglio 2017, il Ministero degli Esteri egiziano aveva emesso un comunicato nel quale veniva lodata la dichiarazione congiunta delle due parti. Il comunicato sottolineava la posizione dell’Egitto in merito alla crisi in Libia. Il Cairo si è sempre pronunciato a favore di una soluzione politica, nel rispetto dell’accordo di Skhirat del 17 dicembre 2015.

L’accordo di Skhirat era stato siglato il 17 dicembre 2015 nella città marocchina di Skhirat dai delegati del Congresso di Tripoli e della Camera di Tobruk per la creazione di un governo di accordo nazionale.

Sempre secondo quanto riferito nel comunicato, Haftar ha sottolineato “il suo apprezzamento e quello del popolo libico nei confronti degli sforzi dell’Egitto per risolvere la crisi a tutti i livelli e ha elogiato gli sforzi per la riconciliazione tra Misurata e la Libia orientale”.

Da parte sua, il capo dell’esercito egiziano ha apprezzato “gli sforzi di Misurata per combattere il terrorismo in Libia” e ha sottolineato l’importanza di coordinare le visioni in questo settore affinché la Libia sia un Paese unito, libero dall’estremismo e di supporto alla sicurezza e alla stabilità regionale e internazionale”.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Il presidente dell'Egitto, Abdel Fattah Al-Sisi. Fonte: President of Russia.

Il presidente dell’Egitto, Abdel Fattah Al-Sisi. Fonte: President of Russia.

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.