UNICEF: 850,000 bambini dispersi nella Rep. Dem. del Congo

Pubblicato il 4 agosto 2017 alle 6:01 in Africa Congo

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Repubblica Democratica del Congo sta affrontando una delle peggiori crisi umanitarie al mondo, che ha visto la dispersione di 850,000 bambini. La denuncia giunge dall’UNICEF.

La Repubblica Democratica del Congo, Stato africano ricco di risorse, ha guadagnato l’indipendenza dal Belgio nel 1960 senza, tuttavia, effettuare una transizione di potere pacifica. La violenza è aumentata e si è estesa in tutta la nazione dopo che il presidente congolese, Joseph Kabila, lo scorso dicembre, ha deciso di rimanere al potere per il terzo mandato presidenziale. I leaders dell’opposizione hanno firmato un accordo fragile con la coalizione di governo e gli alleati di Khabila, che chiedeva al presidente di ritirarsi dopo le elezioni programmate per la fine del 2017.

Il conflitto ha forzato più di 1 milione e mezzo di congolesi ad abbandonare le proprie case, mentre più di 3,000 sono morti dallo scorso ottobre a oggi, nella regione di Greater Kasai. Tajudeen Oyewale, rappresentante dell’UNICEF per la Repubblica Democratica del Congo, ha riferito che circa 850,000 bambini sono stati dispersi nel corso delle violenze. La maggior parte delle persone, che hanno abbandonato le loro case, sono ospiti di comunità vicine, che sono però tra le più povere del Paese. Un minor numero di sfollati è  fuggito nella foresta intorno ai loro villaggi, sopravvivendo in capanne. “Questa crisi umanitaria sta crescendo velocemente, stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner per cercare di aiutare le famiglie più in difficoltà”, ha spiegato Oyewale.

L’UNICEF, insieme ad altre organizzazioni umanitarie, ha messo in atto due iniziative per cercare di migliorare la situazione. Il primo è un programma di assistenza per i congolesi sfollati, grazie al quale, fino ad ora, l’UNICEF ha supportato 11,225 famiglie. Il secondo è un programma multi-settoriale chiamato Rapid Response Mechanism (RRM), che permette la fornitura di assistenza medica, di cibo, acqua e beni primani. Nel corso di agosto, l’UNICEF si aspetta che almeno 50,000 famiglie traggano beneficio da questa iniziativa.

Sofia Cecinini

Bambini congolesi sfollati. Fonte: Flickr

Bambini congolesi sfollati. Fonte: Flickr

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.