Russia: diplomatici USA lasciano residenze

Pubblicato il 1 agosto 2017 alle 21:22 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I diplomatici americani hanno dovuto abbandonare entro le 12:00 di oggi, 1 agosto, le dacie che occupavano nel parco di Serebrjannyj Bor, nella zona nord-ovest della capitale russa.

Bandiera della Federazione Russa. Fonte: visitmosca

Bandiera della Federazione Russa. Fonte: visitmosca

Diplomatici e ufficiali dell’ambasciata statunitense a Mosca hanno dovuto abbandonare entro le 12:00 di oggi le residenze che erano state loro cedute in dotazione dallo stato russo nel parco di Serebrjannyj Bor, un esclusivo quartiere del nord-ovest della capitale. La misura rientra nelle contromosse decise dal Cremlino in risposta al rinnovo delle sanzioni anti-russe votate dal Congresso e dal Senato statunitensi e promulgate da Donald Trump.

“I funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti devono lasciare le ville e i magazzini in usufrutto entro le ore 12 ora di Mosca, eventuali ritardi creeranno nuovi problemi nelle relazioni tra i due paesi” – aveva dichiarato il vice ministro degli esteri russo Sergej Ryabkov.

L’ambasciata degli Stati Uniti ha emesso una nota di protesta, lamentando il poco tempo lasciato ai diplomatici e ai funzionari per abbandonare le dacie e accusando le autorità russe di aver impedito loro di portare con sé oggetti personali.

“Possiamo solo esprimere il nostro disaccordo con tali accuse”  – ha risposto il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov, “sono accuse inverosimili con secondi fini impropri” – ha aggiunto Rybakov.

Parlando in occasione di una visita di stato in Estonia questa settimana, il vicepresidente americano Mike Pence ha dichiarato: “Il presidente Trump è stato chiaro, l’America è aperta a una migliore relazione con la Russia, ma il Presidente e il Congresso sono uniti nel mandare un messaggio alla Russia: migliori relazioni e l’abrogazione delle sanzioni, richiedono per prima cosa che la Russia inverta le politiche e le azioni che hanno portato alle sanzioni”. 

“Le decisioni di Mosca – ha concluso Pence – non impediranno agli Stati Uniti di schierarsi a favore della libertà”.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.