Niger: 7,000 cittadini raggiungono il Ciad per sfuggire a Boko Haram

Pubblicato il 1 agosto 2017 alle 18:09 in Africa Niger

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nel corso della settimana passata, circa 7,000 cittadini del Niger sono stati spinti a cercare rifugio nel Ciad per la paura di subire attacchi da parte del gruppo terroristico nigeriano Boko Haram.

Il Niger vive da quasi sessant’anni una situazione di instabilità economica, politica e sociale. Il 3 agosto 1960 il Paese si è reso indipendente dal dominio coloniale francese. La strategia adottata dai governi nazionali si è concentrata sulla modernizzazione dell’economia e sullo sfruttamento delle risorse petrolifere e minerarie locali. Nonostante gli sforzi, il Niger continua ad essere definito uno dei Paesi più poveri del mondo dalle Nazioni Unite. Le sue difficoltà sono aggravate dagli scontri tra il governo locale, con a capo il primo ministro Brigi Rafini, e Boko Haram, che ha la sua base in Nigeria, Paese confinante con il Niger. Dal gennaio 2015, il governo del Niamey fa parte di una coalizione di Stati che combatte contro Boko Haram e, per questa ragione, il Paese subisce la vendetta di questa organizzazione terroristica, una delle più potenti del mondo.

A causa di una campagna di attacchi portata avanti dai jihadisti di Boko Haram nell’area di Diffa, al confine con la Nigeria, nel corso dell’ultimo anno, i cittadini locali stanno lasciando le proprie case per rifugiarsi nel vicino Ciad. Diffa ospita anche quasi 300.000 sfollati nigeriani che sono fuggiti a loro volta dalla Nigeria per sottrarsi alle offensive di Boko Haram. Il 2 luglio, alcuni militanti armati hanno ucciso 9 persone e hanno rapito almeno 40 individui nel sud-est del Niger, nel villaggio di Kablewa, vicino alla città di Diffa. Nonostante nessun gruppo terroristico abbia rivendicato l’attacco, le autorità del Niger sono convinte che sia stata opera dei jihadisti nigeriani.

Un ufficiale delle Nazioni Unite ha riferito di essere molto preoccupato. Se la situazione peggiorerà in Niger, un numero sempre maggiore di persone cercheranno rifugio nel Ciad, il quale, a sua volta, subisce la furia di Boko Haram e versa in una grave situazione politica ed economica. A sostegno dei migranti, la UN Refygee Agency ha preparato un piano di aiuti, inviando beni di prima necessità e aiutando gli sfollati a stabilirsi in campi di profughi.

Attivo dal 2009, Boko Haram ha ucciso almeno 20,000 persone nella sola Nigeria, forzando 2,6 milioni di cittadini ad abbandonare le proprie case. L’obiettivo dei terroristi è quello di creare uno Stato islamico nel nord-est del paese; le violenze, gli stupri e i sequestri perpetrati dal gruppo nel corso degli ultimi anni sono innumerevoli. La campagna militare di Boko Haram è iniziata a Maiduguri, capitale dello stato del Borno, ma si è poi espansa in Chad e Cameroon, raggiungendo anche il Niger dal 2016.

Sofia Cecinini

Cartina geografica Niger, Nigeria, Ciad, Camerun. Fonte: VOA News

Cartina geografica Niger, Nigeria, Ciad, Camerun. Fonte: VOA News

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.