Filippine: 7 uomini decapitati

Pubblicato il 1 agosto 2017 alle 13:55 in Asia Filippine

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’allarme per la sicurezza nel sud dell’arcipelago delle Filippine continua ad essere ai massimi livelli. Mentre nella città di Marawi, sull’isola di Mindanao, va avanti da più di due mesi lo scontro tra esercito e militanti islamisti del gruppo Maute, nuovi focolai di tensione si accendono. Questo è il caso dell’isola di Basilan, a sud di Mindanao, dove i militanti di un altro gruppo estremista alleato del gruppo Maute e dell’Isis, Abu Sayyaf, hanno decapitato 7 ostaggi, domenica 30 luglio. I sette uomini erano taglialegna precedentemente rapiti.

I corpi dei taglialegna sono stati ritrovati in un villaggio di montagna sull’isola di Basilan, la più meridionale delle isole delle Filippine, a sud anche dell’isola di Mindanao, dove va avanti un assedio da parte dei militanti fedeli all’Isis dal 23 maggio scorso nella città di Marawi. Il capo della polizia di Basilan, John Cundo, ritiene una fazione del gruppo terroristico Abu Sayyaf sia responsabile delle decapitazioni. Si tratta di un’organizzazione di militanti islamisti che – come il gruppo Maute che assedia la città di Marawi – ha giurato fedeltà all’Isis.

La ragione dietro alle esecuzioni sarebbe stata la vendetta da parte di uno dei leader del gruppo terroristico, Furuji Indama, che incolpava i taglialegna di aver danneggiato la sua piantagione di gomma. Dopo essere stati rapiti, i sette uomini sono stati decapitati senza l’avanzamento di una richiesta di riscatto.

Il gruppo Abu Sayyaf è nato negli anni ’90 grazie a dei finanziamenti che sembrano riconducibili alla rete di Al-Qaeda di Osama Bin Laden. La fazione del gruppo basato sull’isola di Basilan ha giurato alleanza all’Isis e sta partecipando all’assedio di Marawi. I militanti del gruppo Abu Sayyaf sono famosi per aver condotto gli attentati terroristici peggiori della storia delle Filippine e per decapitare gli ostaggi quando non ricevono riscatti ingenti. Nel 2016, i militanti hanno decapitato 2 cittadini canadesi e nel febbraio 2017 un cittadino tedesco. Secondo le fonti dell’esercito delle Filippine, i militanti avrebbero ancora in mano 20 ostaggi.

Marawi è la città a maggioranza islamica più importante nelle Filippine, paese cattolico. Il bilancio dei morti da quando, il 23 maggio scorso, i militanti del gruppo Maute hanno occupato parti della città e il presidente Duterte ha dichiarato la legge marziale, è di 650 persone. Gli sfollati superano i 400 mila. Anche l’isola di Basilan fa parte della zona meridionale del paese su cui il presidente Rodrigo Duterte ha esteso la legge marziale.

Ilaria Tipà

Le Filippine, la zona in rosso è quella di Mindanao. Basilan è l'isola circolare più meridionale dell'arcipelago. Fonte: Wikipedia Commons

Le Filippine, la zona in rosso è quella di Mindanao. Basilan è l’isola circolare più meridionale dell’arcipelago. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale

Asia Corea del Sud

Corea: esercitazione aerea tra USA e Corea del Sud

La Corea del Sud e gli Usa hanno avviato un’esercitazione aerea congiunta sul cielo coreano, mentre Cina e Russia hanno avviato gli esercizi navali bilaterali


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.