Tunisia – Libia: potenziate le misure di sicurezza al confine

Pubblicato il 30 luglio 2017 alle 20:03 in Africa Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

All’inizio del 2018, la Tunisia inizierà ad installare un sofisticato sistema elettronico al confine con la Libia. Ciò fa parte del piano del potenziamento della difesa della sicurezza dei confini meridionali del Paese, che mira a impedire l’infiltrazione dei terroristi dalla Libia e a limitare le attività di contrabbando.

Il ministro della Difesa tunisino, Farhat Horchani, in una conferenza stampa che si è tenuta a margine della sua visita ai gruppi militari che si trovano nella parte meridionale del Paese, ha sottolineato che “questa sorveglianza elettronica includerà punti di controllo fissi che si estenderanno da Ras Agedir, un villaggio della Tripolitania al confine con la Tunisia, a Dehiba, nel sud est della Tunisia, e punti di controllo mobili tra Dehiba e Borj El-Khadra”, il punto più a sud della Tunisia, al confine con Libia e Algeria.

Hourchani ha aggiunto che “le tecniche che verranno adottate in questo sistema saranno di alta qualità e includeranno telecamere termiche in grado di monitorare tutti i movimenti delle persone e dei veicoli e saranno collegate centralmente attraverso strumenti di controllo”.

Il ministro ha aggiunto che “questo sistema elettronico contribuirà ad alleggerire il carico di lavoro delle unità dell’esercito e della sicurezza che controllano la lunghezza dei confini giorno e notte”.

Due anni fa, il 4 febbraio 2016, la Tunisia aveva completato la costruzione di una barriera al confine con la Libia, composta da fossati, barriere erette con la sabbia e filo spinato. La barriera è stata costruita per difendere la sicurezza interna del Paese, dopo gli attacchi terroristici perpetrati da estremisti infiltratisi dalla Libia. La barriera serve anche per contrastare le attività di contrabbando, in particolare il contrabbando di armi.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Il mnistro della Difesa tunisino, Farhat Horchani. Fonte: Flickr

Il mnistro della Difesa tunisino, Farhat Horchani. Fonte: Flickr

di Redazione

Articoli correlati

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leale all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.