Casa Bianca: ancora incertezze sulle nuove sanzioni contro la Russia

Pubblicato il 25 luglio 2017 alle 20:00 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non si è ancora espresso sul nuovo disegno di legge relativo alle sanzioni contro la Russia, attualmente al vaglio del Congresso. Lo ha dichiarato al canale Fox News il direttore del dipartimento per le comunicazioni della Casa Bianca, Anthony Scaramucci.

“Non ha ancora preso una decisione”, avrebbe risposto Scaramucci alla domanda di un giornalista riguardo al disegno di legge nel corso di una conferenza stampa. “La Casa Bianca ambisce ad una normalizzazione dei rapporti, visto che la vicenda russa è stata fin troppo gonfiata”, ha aggiunto Scaramucci.

Bandiere della Russia e degli Stati Uniti Fonte:Eurasia

Bandiere della Russia e degli Stati Uniti. Fonte: Eurasia

Sabato è stato reso noto che repubblicani e democratici di entrambe le camere del Congresso degli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo sul testo del disegno di legge riguardante le sanzioni contro la Russia e l’Iran. Il documento è stato successivamente divulgato sulla pagina ufficiale del Congresso e nelle prossime settimane verrà votato alla Camera dei Rappresentanti e al Senato. Per poter entrare in vigore dovrà essere firmato dal presidente.

Nel corso di un’altra conferenza stampa lo scorso 23 luglio, la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha dichiarato tuttavia che l’amministrazione Trump “vuole dimostrare rigore nei confronti della Russia, in particolar modo tramite l’applicazione di queste sanzioni.”

Da parte sua, l’Unione Europea ha definito l’iniziativa dell’amministrazione Trump come un’azione unilaterale da parte di Washington e ritiene che essa possa portare a conseguenze esagerate e imprevedibili. Il disegno di legge, nonostante le proteste da parte degli imprenditori americani che intrattengono relazioni commerciali con la Russia, ha mantenuto le disposizioni in materia di energia, in particolare quelle contro la costruzione del gasdotto “Nord Stream-2”.

 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.