Uganda scossa da tensioni politiche

Pubblicato il 24 luglio 2017 alle 5:01 in Africa Uganda

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Uganda è un Paese africano collocato nella regione dei Grandi Laghi, nell’Africa orientale, senza alcuno sbocco al mare. Ottenuta l’indipendenza dall’Inghilterra nel 1962, seguita da un periodo di tensioni etniche e religiose, l’Uganda è divenuta nel corso del tempo un Paese relativamente prosperoso, ma caratterizzato da una profonda corruzione politica.

Il presidente, Yoweri Museveni, in carica dal 1986, dovrebbe terminare il suo ultimo mandato nel 2021. Recentemente, il governo ha annunciato di voler cambiare la costituzione per rimuovere i limiti di età per i candidati presidenziali, per permettere a Museveni di ripresentarsi alle prossime elezioni. Ciò ha provocato un’ondata di proteste e i cittadini hanno affisso manifesti di denuncia lungo le strade della capitale Kampala. La costituzione ugandese impone che i candidati alle elezioni presidenziali abbiano al di sotto dei 75 anni; di conseguenza Museveni, ormai 72enne, non potrebbe ricandidarsi nel 2021.

Venerdì 21 luglio, la polizia locale ha arrestato 56 persone nei sobborghi a nord di Kampala, accusate di aver organizzato assemblee illegali, violando la legge di ordine pubblico. Gli oppositori del governo di Museveni, tuttavia, ritengono che l’arresto sia stato una mossa delle autorità per reprimere il dissenso intorno al presidente. Ingrid Turinawe, un membro del partito di opposizione, Forum Democratic Change, ha spiegato che gli attivisti sono stati arrestati perché la polizia sospetta che stessero cospirando contro la questione della riforma costituzionale per cambiare i limiti di età dei candidati presidenziali. Gli arrestati sono stati portati in una prigione nell’est dell’Uganda, dove la polizia ha vietato qualsiasi contatto con gli avvocati e i familiari. “Abbiamo paura che stiano subendo torture”, ha affermato Ingrid Turinawe.

Secondo quanto riportato dal report annuale di Amnesty International, le libertà di espressione, associazione e assemblea in Uganda sono molto limitate. Inoltre, gli stessi attivisti dei diritti umani hanno subito grosse restrizioni alle proprie attività. Da lungo tempo gli oppositori di Museveni lo accusano di violare i diritti umani dei propri cittadini, e ritengono che il governo sia la causa del malfunzionamento di molte cose all’interno del Paese.

Sofia Cecinini

Yoweri Museveni, presidente dell'Uganda. Fonte: Flickr

Yoweri Museveni, presidente dell’Uganda. Fonte: Flickr

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.