Turchia: continua la cooperazione militare con il Qatar

Pubblicato il 19 luglio 2017 alle 14:02 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Continuano gli addestramenti militari congiunti tra le forze armate turche e quelle qatarine. Martedì 18 luglio, il Ministero della Difesa qatarino ha annunciato l’arrivo della sesta unità delle forze armate turche a Doha.

Il ministro della Difesa qatarino, Khalid bin Mohammad Al-Attiyah, ha annunciato su Twitter “l’arrivo della sesta unità delle forze armate turche in Qatar per continuare la cooperazione congiunta nella lotta al terrorismo e all’estremismo violento”.

La prima avanguardia turca è arrivata a Doha il 19 giugno scorso, dando avvio a una serie di esercitazioni militari congiunte tra Turchia e Qatar, che continuano ancora oggi. Gli addestramenti tra i due Paesi si svolgono all’interno di due accordi militari, ratificati dal Parlamento turco il 7 giugno scorso. Il primo consente il dispiegamento dei militari turchi all’interno della base militare della Turchia nei pressi di Doha. Il secondo prevede l’addestramento delle forze di polizia del Qatar.

L’accordo sul dispiegamento del contingente turco in terra qatarina risaliva all’aprile scorso, quello per l’addestramento della polizia al dicembre 2015: entrambi sono ora resi esecutivi dal voto del Parlamento e dalla successiva firma del Presidente Erdogan. Alle clausole di tali accordi è stata aggiunta la possibilità di condurre esercitazioni militari congiunte.

La cooperazione militare tra Turchia e Qatar non si è mai interrotta, nonostante, il 23 giugno scorso, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein abbiano inviato una lista di 13 richieste al Qatar per porre fine all’isolamento. Tra queste la chiusura della base turca a Doha e la fine delle esercitazioni militari congiunte.

La lista delle richieste era stata inviata al Qatar dopo che Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein avevano imposto un embargo al Qatar, il 5 giugno scorso.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Nave turca. Fonte: Wikimedia Commons.

Fregata turca. Fonte: Wikimedia Commons.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.