Felipe VI a Londra: “dialogo su Gibilterra”

Pubblicato il 16 luglio 2017 alle 4:55 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Re di Spagna Felipe VI, in visita ufficiale a Londra, ha espresso la propria fiducia nel raggiungimento di un accordo su Gibilterra in occasione di un discorso tenuto a Westminster dinanzi ai parlamentari del Regno Unito.

Gibilterra. Fonte: Wikimedia Commons

Gibilterra. Fonte: Wikimedia Commons

“Sono convinto che il dialogo e lo sforzo comune dei governi di Regno Unito e Spagna permettano di trovare soluzioni accettabili per tutte le questioni riguardanti la contesa su Gibilterra, sicuro che entrambi i paesi raddoppieranno gli sforzi necessari per raggiungere un compromesso” – ha affermato il Re alla presenza della Premier Theresa May.

Felipe VI ha ricordato come la rappresentanza diplomatica spagnola è la più antica di quelle presenti nella capitale britannica ed ha sottolineato come nella storia i due paesi abbiano affrontato “scontri, rivalità e dispute” che lo sforzo dei popoli e dei governi sono riusciti a lasciare nel passato.

Il monarca spagnolo ha espresso inoltre la speranza che l’accordo tra il Regno Unito e la UE sulla Brexit possa garantire la sicurezza e la stabilità opportuna tanto agli spagnoli residenti in Gran Bretagna che ai britannici residenti in Spagna. Queste persone “sono la base più solida delle nostre ottime relazioni bilaterali” ha aggiunto il Re.

Al termine dell’atto a Westminster, Felipe VI è stato ricevuto a Buckingham Palace, dove la Regina Elisabetta II ha offerto in onore dei monarchi di Spagna una cena di gala.

“Sono convinta che una relazione così antica e basata su vincoli tanto forti come quella tra il Regno Unito e la Spagna garantisca ad entrambi i popoli una lunga prosperità a prescindere da quali siano le sfide che il futuro riserva ai due paesi” – ha affermato la Regina d’Inghilterra in occasione del brindisi, aggiungendo, senza nominare direttamente Gibilterra, che una in relazione tanto lunga inevitabilmente esistano questioni su cui le posizioni non coincidano.

I riferimenti a Gibilterra del monarca spagnolo non sono piaciuti al Ministro Principale della colonia, Fabian Picardo, che ha definito antidemocratico il discorso di Felipe VI. “Il Re ignora completamente l’esistenza del popolo di Gibilterra – ha accusato Picardo – La voce del Governo di Gibilterra è la più importante di tutte perché rappresenta i desideri e le volontà del popolo di Gibilterra”.

Non è la prima volta che i governi spagnoli sfruttano la neutralità politica della casa reale per affrontare temi internazionali politicamente spinosi. È accaduto in passato, ad esempio, nel negoziato sugli oli vegetali con la Francia, alla fine degli anni ’70, e nel corso degli anni ’90 per le relazioni con la Cuba di Castro.

La visita di Felipe VI e della consorte Letizia a Londra è la prima ufficiale di un monarca spagnolo in oltre trent’anni. L’ultimo viaggio di stato, effettuato dai genitori dell’attuale sovrano, Juan Carlos e Sofia, risale al 1984. Anche in quella occasione, parlando a Westminster, Juan Carlos I affrontò il problema di Gibilterra.

 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Europa Russia

Consiglio UE: Bulgaria contro sanzioni anti-russe

La Bulgaria, che presiederà il Consiglio dell’Unione Europea nella prima metà del 2018, ha intenzione di chiedere l’annullamento delle sanzioni imposte nei confronti della Russia

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Europa Immigrazione

Alfano all’Onu: Italia sempre più impegnata in Libia

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, ha incontrato due funzionari libici

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.