Donne e terrorismo

Pubblicato il 15 luglio 2017 alle 5:01 in Approfondimenti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le donne terroriste possono essere tanto sanguinarie quanto gli uomini. Eppure, è radicata l’idea secondo cui le donne diventano terroriste perché sono costrette dagli uomini.

Ahlam Tamimi è una delle terroriste più note del mondo arabo e rappresenta, al contempo, il simbolo della resistenza palestinese e il volto femminile di Hamas. È stata la mente della strage del 9 agosto 2001 contro il ristorante Sbarro, a Gerusalemme est, in cui morirono 15 persone, tra cui 8 bambini. In una videointervista caricata su Youtube, si vede Ahlam Tamimi che, a soli 21 anni, sorride soddisfatta mentre ricostruisce le fasi dell’attentato. Quella mattina, Ahlam Tamimi, una donna, accompagnò il 22enne Izzedine as-Suheil al-Masri, un uomo, verso il luogo della strage, nella zona est di Gerusalemme che, allora come oggi, si trova sotto l’occupazione israeliana. Il ragazzo portava con sé la fodera di una chitarra colma di esplosivo, chiodi e bulloni. Ahlam Tamimi, nella videointervista, spiega che, nei giorni precedenti all’attacco, aveva perlustrato la zona, scegliendo proprio la pizzeria Sbarro, poiché all’ora di pranzo era sempre affollata, soprattutto da famiglie con bambini. Alle due del pomeriggio locali, Izzedine as-Suheil al-Masri detonò l’ordigno all’interno del ristorante, uccidendo 15 persone e ferendone 130. I soccorritori giunti sul luogo raccontarono di essersi trovati di fronte una scena raccapricciante: l’esplosione era stata talmente violenta da aver ridotto i corpi delle vittime in brandelli. La strage contro il ristorante Sbarro è stato uno degli attentati più sanguinari compiuti da un terrorista palestinese in Israele. Ahlam Tamimi è stata la sua pianificatrice, scelse l’orario, il luogo e l’obiettivo.  Il fatto che volesse colpire anche donne e bambini aiuta a confutare la tesi secondo cui le donne sarebbero meno sanguinarie e spietate degli uomini. Il suo caso è particolarmente interessante perché ci aiuta a confutare anche un altro pregiudizio molto diffuso, secondo cui i terroristi sarebbero sempre poveri e con un basso livello di istruzione. Ahlam Tamimi era nata il 20 ottobre 1980 presso Az-Zarqa, in Giordania, da genitori originari della Cisgiordania. Dopo le scuole superiori, si iscrisse all’università, facoltà di Stampa e Informazione della Bir Zeit University. Il 28 settembre 2000, lo scoppio della prima Intifada provocò la dura reazione dei soldati israeliani, che uccisero più di 1376 cittadini palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Alla vigilia della propria laurea, Ahlam Tamimi seguì la repressione dei soldati isareliani attraverso i media e ne rimase profondamente impressionata. Radicalizzatasi rapidamente, decise di passare alla militanza e, attraverso un collega dell’università, divenne la prima donna delle Qassam Brigades, il braccio armato di Hamas. In seguito alla strage del ristorante Sbarro, Ahlam Tamimi fu arrestata e condannata a 16 ergastoli. Durante il processo, nel 2003, la terrorista si dichiarò colpevole dell’attacco del 9 agosto 2001, senza tuttavia esprimere alcun rimorso davanti alla corte israeliana. Nel 2011, Ahlam Tamimi è stata rilasciata in seguito a uno scambio di prigionieri tra Israele e Hamas e oggi vive in libertà. È particolarmente significativa un’immagine che appare in una seconda videointervista, risalente al 23 ottobre 2011, poco prima del suo rilascio. Quando Ahlam Tamimi viene informata dal giornalista che i bambini morti nella pizzeria Sbarro erano stati 9, sorride gioiosa perché era convinta di avere provocato la morte di soli 3 bambini.

In conclusione, il caso di Ahlam Tamimi, insieme a tanti altri che non possono essere elencati qui per motivi di spazio, ci permette di smentire due pregiudizi molto diffusi. Il primo è il pregiudizio secondo cui le donne terroriste per colpa degli uomini. Ahlam Tamimi, a soli 21 anni, è stata in grado di pianificare da sola una strage per uccidere famiglie con bambini. Come ha spiegato una militante del gruppo Palestinian Islamic Jihad, Umm Anas, nel corso di un’intervista per la BBC, i bambini israeliani, divenuti grandi, diventeranno soldati, giacché in Israele il servizio di leva è obbligatorio per tutti i cittadini. Per questa ragione, è meglio che i bambini muoiano prima di diventare soldati israeliani che avranno poi un ruolo nella repressione dei movimenti palestinesi. Il secondo pregiudizio è quello secondo cui i terroristi sono poveri e hanno un basso livello di istruzione. Ahlam Tamimi frequentò l’università e, come spiega Alan Krueger, nel suo libro Terroristi perchè, sia Hamas, sia il jihad islamico palestinese, reclutano i loro adepti soprattutto nelle università dei territori palestinesi poichè sono frequentate generalmente da ragazzi appartenenti a famiglie ricche e benestanti. Ciò che fa la differenza non è la lettura dei libri, ma il loro contenuto. Un uomo che legga centinaia di libri che inneggiano al terrorismo avrà un elevato livello di istruzione, ma avrà anche una forte predisposizione a radicalizzarsi.

Sofia Cecinini

Ahlam Tamimi. Fonte: Youtube

Ahlam Tamimi. Fonte: Youtube

di Redazione

Articoli correlati

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Approfondimenti Myanmar

AL QAEDA E L’ISIS PRONTE A DIFENDERE I MUSULMANI ROHINGYA

Al Qaeda ha diffuso una chiamata alle armi in difesa della minoranza etnica musulmana Rohingya in Myanmar. L’Isis mobilita i militanti del Sud-Est Asiatico. Si apre la gara per la scelta dell’organizzazione che difende maggiormente i diritti dei musulmani nel mondo

Approfondimenti

I DRONI DELL’ISIS

L’utilizzo di droni, o aeromobili a pilotaggio remoto, da parte delle organizzazioni terroristiche non è una novità

Approfondimenti Asia

LE POSSIBILI RICHIESTE DI CINA E RUSSIA ALL’ONU

Cosa potrebbero proporre Cina e Russia al Consiglio di Sicurezza Onu per equilibrare le nuove sanzioni contro Pyongyang richieste dagli Usa? L’analisi del tabloid di politica estera del Quotidiano del Popolo Cinese

Approfondimenti

STORIA DI UNA MILITANTE DELL’ISIS

Al fine di comprendere le tattiche utilizzate dall’ISIS per indottrinare e trasformare le ragazze in perfetti mostri spietati, è utile e interessante fare riferimento alla storia di Umm Rashid, una ragazza siriana di 21 anni che è un ex-membro dell’al-Khansaa Brigade

Approfondimenti Niger

IL NIGER E IL TERRORISMO

Il Niger sta diventando un Paese sempre più importante per l’Italia, giacché il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha reso noto che i confini meridionali della Libia con il Niger e il Ciad, stanno divenendo aree da tenere sotto controllo con particolare attenzione


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.