UE-Ucraina: corruzione un ostacolo allo sviluppo del Paese

Pubblicato il 14 luglio 2017 alle 13:45 in Europa Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

A fronte delle concessioni fatte dall’UE, l’Ucraina è stata chiamata ad attuare serie misure per combattere la corruzione. A seguito del vertice bilaterale di giovedì, i leader delle istituzioni europee hanno insistito affinché Kiev mantenga la parola riguardo alle riforme promesse.

“Ciò che vogliamo vedere è un serio impegno nella lotta la corruzione – ha dichiarato il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker – perché la corruzione sta lentamente compromettendo tutti gli sforzi che questo grande paese sta portando avanti”.

L’accordo è da considerarsi il preludio ad un’eventuale adesione, sebbene i leader delle istituzioni UE abbiano messo in chiaro in più occasioni che Kiev dovrà intensificare i suoi sforzi affinché si possa parlare di adesione.

Bandiera dell'UE e dell'Ucraina. Fonte: eunews

Bandiera dell’UE e dell’Ucraina. Fonte: eunews

“Oggi mi è chiaro che la vostra rovina non sarà un nemico esterno, siete troppo forti. Il vostro nemico più grande siete voi stessi”, ha affermato Donald Tusk, presidente del consiglio europeo.

Nell’ultimo anno i due partner hanno rafforzato notevolmente le loro relazioni, in particolar modo a seguito dell’estensione delle sanzioni europee nei confronti della Russia, a causa dell’annessione della Crimea considerata illegittima e del conflitto nella parte orientale del Paese. “In questa situazione la Federazione Russa è un aggressore, non è un mediatore. È un aggressore sfacciato e cinico, e la decisione dell’UE di estendere le sanzioni economiche nei confronti della Russia fino al 31 gennaio del prossimo anno lo dimostra”, ha dichiarato il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko.

Il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, ha inoltre presentato una proposta per la creazione di un tribunale indipendente con lo scopo di indagare sui casi di corruzione in Ucraina.

 

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Europa Immigrazione

Alfano all’Onu: Italia sempre più impegnata in Libia

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, ha incontrato due funzionari libici

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …

Ucraina

Poroshenko: USA approvano finanziamento da $500 milioni per Ucraina

Secondo quanto affermato dal presidente Poroshenko, gli Stati Uniti hanno approvato un finanziamento per Kiev da 500 milioni di dollari destinati al settore della sicurezza e della difesa


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.