Ancora violenza in Messico: 9 morti a Guadalajara

Pubblicato il 10 luglio 2017 alle 17:19 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ancora violenza in Messico a Guadalajara, dove nella mattinata di ieri 9 luglio sono stati ritrovati nove corpi in diversi municipi della zona metropolitana di Jalisco, una delle regioni più importanti del paese. Secondo i media locali, la polizia avrebbe rinvenuto sulla maggior parte dei cadaveri alcuni messaggi tipici dei clan del narcotraffico.

Tre dei morti sono stati ritrovati impiccati ad un ponte nel municipio di Zapopan. Sui corpi dei cartelli che avvertivano che erano stati uccisi per aver rubato. I messaggi sarebbero stati firmati dal Cártel Jalisco Nueva Generación (CJNG), l’organizzazione criminale che detiene il dominio della zona dopo il debilitamento del Cártel de Sinaloa a causa di dispute interne. Questo tipo di omicidi è comune nelle città controllate dal narcotraffico in Messico.

Bandiera del Messico. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera del Messico. Fonte: Wikimedia Commons

Anche a Zapopan, ad ovest di Guadalajara, è stata rinvenuta un’altra vittima in un sacco della spazzatura nei pressi del Parque Metropolitano. Un paio di ore prima, altri due corpi avvolti in sacchi della spazzatura sono stati ritrovati dalle autorità locali nel quartiere di Tlaquepaque, al sudest della città. Su uno dei corpi un messaggio simile a quelli del ponte di Zapopan. In un municipio vicino, un uomo di 30 anni è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco. A Tlajomulco, nella periferia della città, un giovane di 25 anni è stato assassinato nella sua abitazione. La nona vittima è un ladro ucciso dalla polizia di Tlaquepaque nel pomeriggio di venerdì mentre cercava di darsi alla fuga.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.