Egitto: attentato terroristico nel Sinai

Pubblicato il 8 luglio 2017 alle 6:10 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link


Nuovo attentato terroristico nella penisola del Sinai contro due posti di blocco dellesercito  egiziano. Al momento, il bilancio delle vittime è di ventire morti e trentasei feriti.

Venerdì 7 luglio, un nuovo attacco terroristico ha colpito la penisola del Sinai. Secondo le ricostruzioni di alcuni ufficiali egiziani, due autobombe si sono fatte esplodere passando vicino a due posti di blocco dell’esercito egiziano ad Al-Barth, nel sud della città di Rafah. Quaranta uomini armati hanno poi aperto il fuoco contro i soldati egiziani, causando la morte di ventitre militari, tra cui un ufficiale delle forze speciali egiziane.

Altri trentasei soldati sono rimasti feriti nell’attacco. L’attentato é stato rivendicato dallo Stato Islamico.

Secondo un comunicato del portavoce dell’esercito egiziano, “nel nord del Sinai, l’esercito é riuscito a sventare un attacco terroristico contro alcuni posti di blocco a sud di Rafah, uccidendo più di quaranta attentatori e distruggendo sei veicoli”.

Negli ultimi quattro anni, a partire dal colpo di stato che ha rovesciato il regime del presidente Mohamed Morsi il 3 luglio 2013, la penisola del Sinai è stata teatro di scontri violenti tra le forze di sicurezza e dell’esercito egiziane e i gruppi armati presenti nell’area.

Negli ultimi mesi, lo Stato Islamico ha sempre rivendicato gli attacchi che hanno colpito le postazioni militari e gli uomini della sicurezza nell’area. L’ultimo episodio di violenza è avvenuto il 6 giugno scorso, quando alcuni militanti dello Stato Islamico hanno ucciso due ufficiali della polizia egiziani, in seguito ad uno scontro a fuoco nel nord del Sinai.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Penisola del Sinai. Fonte: Wikimedia Commons.

Penisola del Sinai. Fonte: Wikimedia Commons.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.