Iran: l’Arabia Saudita accusata di sostenere il terrorismo

Pubblicato il 6 luglio 2017 alle 12:18 in Iran Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nuove accuse dell’Iran verso l’Arabia Saudita. Riyad darebbe sostegno a gruppi terroristici in Medio Oriente, strumentalizzando la crisi del Golfo per ottenere il controllo della regione.

Il capo del corpo delle guardie della rivoluzione islamica, il generale Mohammad Ali Jafari, ha lanciato un forte attacco contro l’Arabia Saudita, accusandola di essere “uno stato terrorista”.

Secondo Fars News Agency, Jafari ha criticato la politica dell’Arabia Saudita nella regione, affermando che l’Iran  “sta affrontando un nemico che capisce solo il linguaggio della forza, quindi non è possibile parlare un linguaggio diverso con questo nemico”.

Il generale si è detto convinto che l’Iran rappresenti ad oggi la prima forza nella regione del Medio Oriente e che nessun altro paese sia al momento in grado di modificare tale status.

Secondo quanto riferito dal generale, il corpo delle guardie della rivoluzione islamica starebbe cercando di stabilire la pace nella regione, pace che tuttavia potrà diventare “duratura soltanto se il nemico proverà timore al pensiero di una guerra con l’Iran e delle sue conseguenze”.

L’Iran aveva già accusato l’Arabia Saudita di supportare il terrorismo in seguito all’attentato del 7 giugno scorso a Teheran. L’attacco, rivendicato dallo Stato Islamico, aveva colpito due punti strategici della capitale iraniana, il Parlamento e il mausoleo dell’ayatollah Khomeini.

In quell’occasione, il ministro degli esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, aveva accusato l’Arabia Saudita di sostenere i gruppi terroristici attivi vicino al confine orientale dell’Iran, affermando di essere in possesso di informazioni atte a confermare il coinvolgimento di Riad nell’attentato di Teheran.

Il 15 giugno scorso il consigliere del corpo delle guardie della rivoluzione islamica aveva inoltre accusato l’Arabia Saudita di aver provocato la crisi del Golfo per ottenere il controllo dell’area.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Mohammad Ali JAfari, generale del corpo di guardia della rivoluzione islamica iraniano. Fonte: Wikipedia.

Mohammad Ali Jafari, generale del corpo di guardia della rivoluzione islamica iraniano. Fonte: Wikipedia.

di Redazione

Articoli correlati

Israele Medio Oriente

Israele abbatte un drone di Hezbollah sul Golan

Le forze di difesa israeliane hanno abbattuto un drone che ha tentato di entrare nelle zone demilitarizzate israeliane sulle Alture del Golan, al confine tra Siria e Israele

Iraq Medio Oriente

Iraq: la Turchia bombarda le postazioni del PKK

Gli aerei turchi hanno bombardato le postazioni del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nel nord dell’Iraq

Medio Oriente Siria

Hayat Tahrir al-Sham sta conquistando la provincia di Idlib

Mentre l’ISIS sta progressivamente perdendo terreno nei principali centri urbani in Siria, quali Raqqa e Deir Ezzor, la branca di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS), si sta impadronendo di vaste porzioni di territorio nel nord-ovest del Paese, nella provincia di Idlib

Israele Medio Oriente

Israele: prima base militare americana permanente

Gli Stati Uniti hanno stabilito una base militare permanente in Israele. Si tratta di una Base di Difesa Aerea situata all’interno della base dell’aeronautica militare israeliana di Mashabim, nel cuore del deserto del Negev

Medio Oriente Qatar

Qatar: una regione somala interrompe le relazioni con Doha

La regione sud-occidentale della Somalia ha annunciato di aver rotto i rapporti con il Qatar, accusando il Paese di sostenere il terrorismo, nonostante la posizione neutra adottata dal governo centrale di Mogadiscio

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.