India e Cina: dispute sul confine con il Bhutan

Pubblicato il 6 luglio 2017 alle 15:05 in Asia India

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le truppe dell’India e quelle della Cina si fronteggiano lungo la lingua di confine tra i due paesi e il Bhutan. Secondo l’India si tratta di violazione della territorialità del Bhutan. La Cina ritiene che siano le truppe indiane a dover retrocedere da un territorio che reputa suo.

Le truppe di Cina e India si stanno fronteggiando su una striscia di confine sull’altopiano dell’Himalaya, dove i territori dei due paesi di congiungono con quelli del Bhutan. La Cina afferma che le truppe indiane siano sul suo territorio nazionale, mentre il Bhutan e l’India ritengono si tratti di territorio appartenente al Bhutan, il piccolo stato tra la provincia cinese del Tibet, l’India e il Bangladesh.

L’India gode di una forte presenza militare in Bhutan e sostiene che le sue truppe hanno individuato un’unità dell’esercito cinese nella zona di Doklam, appartenente al Bhutan e che la Cina abbia tentato di costruire una strada nella regione. L’ambasciatore della Cina a New Delhi, Luo Zhaohui ha affermato che le truppe dell’India devono retrocedere, poiché la zona è territorio cinese.

Il Bhutan è un paese dalle dimensioni molto ridotte, situate tra due grandi potenze: India e Cina. Secondo il governo del Bhutan, il tentativo di costruire una strada da parte cinese costituisce “una violazione diretta” degli accordi bilaterali. Il Bhutan non ha relazioni diplomatiche formali con la Cina ed è un alleato molto stretto dell’India.

La contrapposizione delle truppe cinesi ed indiane avviene alla vigilia dell’incontro tra il presidente della Cina, Xi Jinping e il premier Modi, durante il G20 di Amburgo del 7 luglio. La Cina e l’India hanno diverse dispute di confine, ma la zona in cui sta aumentando la tensione è di solito considerata stabile.

Nel 2014, centinaia di soldati cinesi e indiani si sono fronteggiati sulla linea di confine de facto che costeggia la regione del nord-ovest dell’India, la Ladakh. Tra i due grandi paesi asiatici è in corso una forte tensione di base, poiché entrambe mirano ad ampliare la propria influenza sul resto dell’Asia. Questa è la ragione per cui l’India non partecipa al grande piano della Nuova Via della Seta creato dal presidente Xi Jinping. Si tratta di un progetto che mira alla costruzione di molti progetti infrastrutturali che coinvolgono anche paesi vicini all’India come il Nepal, lo Sri Lanka e il Bangladesh. Il Bhutan è rimasto al fianco dell’India e non prende parte al One Belt One Road.

Linea di Confine tra la Cina e l'India. Fonte: Flickr

Linea di Confine tra la Cina e l’India. Fonte: Flickr

Consultazione delle fonti cinesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Bangladesh: arriva l’esercito per aiutare i Rohingya

I profughi Rohingya devono affrontare le piogge monsoniche, il Bangladesh invia l’esercito per aiutare a gestire la crisi.

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.