Tensioni Gibuti-Eritrea: interviene Unione Africana

Pubblicato il 5 luglio 2017 alle 11:07 in Africa Gibuti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Unione Africana (AU) invierà il proprio commissario per la pace e la sicurezza, Smail Chergui, in Eritrea.

La decisione è stata presa in seguito allo scoppio di tensioni al confine tra il Paese ed il Gibuti, dopo che il Qatar, il 14 giugno, in piena crisi diplomatica con gli altri Stati arabi, ha ordinato il ritiro delle proprie truppe di peacekeepers presenti in quei territori africani. Secondo quanto riportato dal quotidiano Africa News, l’ambasciatore Chergui si recherà ad Asmara per colloquiare con le autorità sulla situazione in corso. Lunedì 3 luglio, durante un summit nella capitale etiope, Addis Abeba, il Ministero degli Affari esteri del Gibuti ha chiesto all’Unione Africana di mandare i propri osservatori presso i confini con l’Eritrea, per cercare di calmare le acque. “Nessuno dei due Paesi è interessato a mantenere l’attuale status quo”, ha dichiarato il ministro degli esteri del Gibuti riferendosi al proprio Stato e all’Eritrea, aggiungendo che è necessario che l’Unione Africana agisca in fretta.

I conflitti in seno al Corno d’Africa sono scoppiati nel 2008, dopo che il Gibuti accusò l’Eritrea di aver posizionato le proprie truppe al confine, disseminando paura in tutta la regione. Gli scontri, all’epoca, durarono diversi giorni, causando la morte di decine di truppe del Gibuti. Le tensioni si sono riaccese recentemente, in concomitanza alla crisi diplomatica nel Golfo, la quale, il 5 giugno, ha visto l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, ed il Bahrein tagliare i rapporti con il Qatar, accusandolo di supportare il terrorismo. Il Gibuti e l’Eritrea hanno sempre intrattenuto rapporti amichevoli con Riyad. Mentre Gibuti City si è schierata con il blocco saudita, diminuedo i rapporti con il Qatar, Asmara ha rigettato le accuse mosse contro Doha, dichiarando che le proprie relazioni con il Qatar “rimarranno intatte”.

L’area di confine che sta causando tensioni tra Eritrea e Gibuti si trova in prossimità delle montagne di Dumeira, una piccola isola al largo delle coste dei due Stati a sud del Mar Rosso, nello stresso di Bab-el-Mandeb, di vitale importanza perché costituisce uno snodo importante per il commercio globale.

Il Gibuti è un alleato chiave dei paesi occidentali e ospita basi militari francesi ed americane, offrendo un accesso diretto all’Eritrea e all’Etiopia, principale partner regionale di Washington. L’Eritrea, al contrario, intrattiene rapporti controversi con l’Occidente, dal momento che è stata accusata di favoreggiare i gruppi armati somali. Tali accuse sono sempre state smentite da Asmara.

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.