Palestina: più vicina ad un accordo di pace storico con Israele

Pubblicato il 4 luglio 2017 alle 10:18 in Medio Oriente Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente palestinese Mahmud Abbas è pronto a stringere una pace storica con Israele.  

Lunedì 3 luglio nella capitale dell’Etiopia, Addis Abeba, ha avuto luogo il vertice dell’Unione africana, durante il quale il presidente della Palestina, Mahmud Abbas, ha tenuto un discorso sui rapporti attuali tra Israele e Palestina.

Nel suo intervento, il presidente palestinese si è detto pronto a “stringere una pace storica con gli israeliani per una soluzione a due Stati”. Abbas ha affermato che la Palestina è “in attesa di una risposta di Israele in merito all’iniziativa del presidente Trump  in vista di un accordo di pace”.

La mossa del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stata definita da Abbas “un barlume di speranza per la pace”.

Inoltre, ha invitato i leader dei Paesi africani a fare andare di pari passo “ogni progresso nei rapporti del continente con Israele con il suo impegno a porre fine all’occupazione del territorio dello Stato della Palestina, occupato dal 1967, con capitale Gerusalemme est”.

Abbas ha poi proseguito auspicando “il sostegno dell’Unione africana e dei suoi Paesi per interrompere e cambiare l’amara situazione che sta vivendo il popolo palestinese a causa della continua occupazione”.

Secondo Abbas, “risolvere la questione palestinese con una soluzione giusta è la chiave della pace e senza dubbio contribuirà a privare di pretesti i gruppi terroristici nelle zone circostanti, portando il bene alla regione e alle generazioni future, nonché pace e sicurezza globali”.

L’impegno per il raggiungimento di un accordo politico tra Israele e Palestina era già stato espresso anche da parte israeliana. Il  ministro della difesa israeliano, Avigdor Lieberman, aveva affermato il 12 giugno scorso che gli israeliani e i palestinesi sono più vicini al raggiungimento di un accordo politico, che contribuirà anche a creare un clima di normalizzazione con i Paesi arabi moderati.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Flag_of_Palestine.svg

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.