Crisi del Golfo: la risposta ufficiale del Qatar

Pubblicato il 4 luglio 2017 alle 14:09 in Medio Oriente Qatar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli esteri qatarino ha consegnato la risposta ufficiale del Paese alle richieste formulate da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Egitto.

Lunedì 3 luglio il ministro degli esteri qatarino, Mohammed bin Abdulrahman al Thani, si è recato in Kuwait per consegnare all’emiro del Kuwait Sabah Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, la risposta ufficiale del Paese alla lista delle richieste avanzate da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto.

Come è noto, lo scorso 23 giugno i quattro Paesi avevano inviato al Qatar, tramite la mediazione del Kuwait, una lista di 13 richieste che Doha avrebbe dovuto accettare entro dieci giorni per porre fine all’isolamento del Paese.

Tra le richieste, in particolare, vi erano l’interruzione dei rapporti con l’Iran, la chiusura della base militare turca a Doha e la cessazioni delle emissioni di Al-Jazeera Media Network.

La consegna della risposta da parte del Qatar è avvenuta allo scadere dei dieci giorni, nonostante i quattro Paesi responsabili dal 5 giugno scorso dell’isolamento del Paese avessero concesso a Doha una proroga di 48 ore per l’invio della risposta definitiva.

Su richiesta del ministro degli esteri egiziano, Sameh Shoukry, il prossimo mercoledì, i ministri degli esteri di Egitto, Arabia Saudita, Bahrein e Emirati Arabi Uniti si incontreranno al Cairo, per esaminare nei dettagli la risposta del Qatar e discutere i passi successivi per risolvere la crisi del Golfo.

Alla luce delle ultime dichiarazioni ufficiali da parte del Qatar, sembra che il Paese abbia respinto le richieste. Lo scorso sabato, infatti, il ministro degli esteri qatarino ha affermato che i quattro Paesi avevano elaborato le richieste in modo che venissero rifiutate, e che le riteneva una violazione del diritto internazionale.

Il ministro aveva anche ribadito la sua disponibilità al dialogo, ma non a discutere richieste che intendono violare la propria sovranità nazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

qatar-26812_960_720-e1497607941443

di Redazione

Articoli correlati

Israele Medio Oriente

Israele abbatte un drone di Hezbollah sul Golan

Le forze di difesa israeliane hanno abbattuto un drone che ha tentato di entrare nelle zone demilitarizzate israeliane sulle Alture del Golan, al confine tra Siria e Israele

Iraq Medio Oriente

Iraq: la Turchia bombarda le postazioni del PKK

Gli aerei turchi hanno bombardato le postazioni del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nel nord dell’Iraq

Medio Oriente Siria

Hayat Tahrir al-Sham sta conquistando la provincia di Idlib

Mentre l’ISIS sta progressivamente perdendo terreno nei principali centri urbani in Siria, quali Raqqa e Deir Ezzor, la branca di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS), si sta impadronendo di vaste porzioni di territorio nel nord-ovest del Paese, nella provincia di Idlib

Israele Medio Oriente

Israele: prima base militare americana permanente

Gli Stati Uniti hanno stabilito una base militare permanente in Israele. Si tratta di una Base di Difesa Aerea situata all’interno della base dell’aeronautica militare israeliana di Mashabim, nel cuore del deserto del Negev

Medio Oriente Qatar

Qatar: una regione somala interrompe le relazioni con Doha

La regione sud-occidentale della Somalia ha annunciato di aver rotto i rapporti con il Qatar, accusando il Paese di sostenere il terrorismo, nonostante la posizione neutra adottata dal governo centrale di Mogadiscio

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.