Ancora violenza in Messico, due famiglie assassinate a Puebla

Pubblicato il 4 luglio 2017 alle 11:15 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno sei persone sono state uccise nella mattina di questo lunedì 3 luglio a Huehuetlán, nel municipio di Puebla in Messico. Un commando formato da diversi uomini armati avrebbe fatto irruzione in due case in pieno centro della cittadina -di 7.000 abitanti- uccidendo tutti i membri delle due famiglie di commercianti. Il movente dell’attacco, secondo la stampa locale, sarebbe il rifiuto da parte delle due famiglie di pagare l’estorsione conosciuta come derecho de piso cui sarebbero sottoposti tutti i commercianti del luogo dai clan che governano la zona. La Procura di Puebla non ha ancora fornito alcuna dichiarazione sulla vicenda.

Polizia Scientifica sulla scena del crimine. Fonte: El País

Polizia Scientifica sulla scena del crimine. Fonte: El País

Sia l’Esercito che la polizia statale sono stati spiegati nella zona, che non è estranea a simili episodi di violenza. Ad aprile, tre persone erano state assassinate nella piazza principale della cittadina. Lo scorso agosto, il presidente del municipio di Huehuetlán, José Santamaría Zavala, era stato intercettato da un gruppo armato mentre era a bordo della sua autovettura e freddato a colpi d’arma da fuoco.

La violenza sembra non dare tregua in Messico. Nonostante un aumento del 700% nella spesa per la sicurezza pubblica negli ultimi quattro anni, gli omicidi nel mese di maggio hanno superato, da soli, tutti quelli riportati dal 1997. Il numero di indagini aperte dalla Procura supera di gran lunga il peggior mese del Governo di Felipe Calderón, il presidente che diede inizio alla lotta contro il narcotraffico.

Puebla non si trova tra i primi posti della cosiddetta “lista rossa”, che vede in cima Estado de México, Guerrero e Sinaloa. Tuttavia, le zone più orientali dello Stato, che confinano con Veracruz, sono aree tradizionalmente dominate dalle mafie locali e dai signori della droga.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.