Nuovo attacco terroristico a Mogadiscio: 4 morti

Pubblicato il 24 giugno 2017 alle 6:18 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 4 persone sono morte in un nuovo attentato che ha colpito la capitale somala, Mogadiscio.

La mattina del 22 giugno, un’autobomba si è scagliata contro la stazione di polizia di Waberi, nei pressi di Maka al Mukaram road, che è una delle strade più affollate della città. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto corpi distesi per terra e macchine distrutte dall’esplosione. Nessun gruppo terroristico, al momento, ha rivendicato l’attentato.

In passato, e anche recentemente, i jihadisti somali di al-Shabaab, legati ad al-Qaeda, hanno compiuto ripetuti attacchi terroristici nell’area di Mogadiscio e nel resto del paese. Al-Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un’organizzazione fondamentalista nata intorno al 2006 che combatte il governo somalo appoggiato dalle Nazioni Unite. Fino al 2011, il gruppo terroristico, controllava gran parte della Somalia, inclusa la capitale Mogadiscio. Negli ultimi due anni, l’Unione Africana e le autorità somale hanno rafforzato la propria cooperazione militare, costringendo i terroristi ad abbandonare importanti roccaforti urbane. Tuttavia, i militanti, attivi soprattutto nel sud del paese, continuano a compiere attacchi sistematici contro hotels, check-points militari e palazzi presidenziali. Il gruppo mira a rovesciare il governo somalo per eliminare le truppe di peacekeeping dell’Unione Africana e imporre la propria interpretazione della sharia.

L’ultimo attentato rivendicato dai jihadisti somali, avvenuto il 22 giugno, ha causato la morte di 15 persone nel distretto governativo di Wadajir per mezzo di un’autobomba.

Intanto, al-Jazeera English, ieri, ha riportato che sono state avvistate quattro imbarcazioni di pirati nell’Oceano indiano, al largo della Somalia. In passato, i loro attacchi accadevano all’ordine del giorno. Dopo una tregua di cinque anni, il 25 aprile, i funzionali della Marina americana hanno avvertito che i pirati erano tornati nelle acque somale. Tra il 2010 ed il 2012 la pirateria era cresciuta in proporzioni allarmanti, costringendo le navi statunitensi e di altre nazioni a continui scontri.

Capitale della Somalia, Mogadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

Capitale della Somalia, Mogadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Approfondimenti Europa

Il Regno Unito e il terrorismo

Dall’inizio del 2017, l’Inghilterra è stato teatro di diversi attacchi terroristici che sono stati rivendicati dall’ISIS

Europa

Il Regno Unito e gli attentati

Ad avviso di Robin Simcox, ricercatore dell’Henry Jackson Society, senza un cambiamento sostanziale al proprio approccio anti-terrorismo, Londra potrà fare bene poco per evitare attentati simili a quello del 15 settembre

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Medio Oriente Siria

Hayat Tahrir al-Sham sta conquistando la provincia di Idlib

Mentre l’ISIS sta progressivamente perdendo terreno nei principali centri urbani in Siria, quali Raqqa e Deir Ezzor, la branca di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS), si sta impadronendo di vaste porzioni di territorio nel nord-ovest del Paese, nella provincia di Idlib

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.