Nonostante dichiarazioni Trump si conclude con successo spedizione scientifica Cuba-Stati Uniti

Pubblicato il 22 giugno 2017 alle 13:09 in America Latina Cuba

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

A bordo della nave Walton Smith, specialisti cubani e statunitensi hanno recentemente portato a termine una spedizione scientifica volta a studiare l’estensione della barriera corallina nelle profondità delle acque cubane, verificare il suo stato di conservazione e la connettività fisica, genetica ed ecologica.

Secondo dichiarazioni ufficiali del Dipartimento di Comunicazione e Informazione del Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Ambiente (Citma) di Cuba, la spedizione è iniziata lo scorso 17 maggio e si è conclusa il 13 giugno e aveva lo scopo specifico di “gettare le basi per possibili spedizioni congiunte in futuro” in ambito scientifico.

Bandiere di Cuba e USA

Bandiere di Cuba e USA

Per quanto concerne la partecipazione cubana, alla missione scientifica, approvata da entrambi i governi e risalente agli accordi firmati a seguito della storica visita dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, nel quadro del riavvicinamento tra i due paesi, hanno partecipato esperti dell’Acquario Nazionale di Cuba, dell’Istituto di Scienze Marine e del Centro Nazionale per le Aree Protette (appartenenti al Citma) oltre al Centro di Studi Marini dell’Università dell’Avana, l’Ufficio per la Regolamentazione della Pesca del Ministero dell’Industria Alimentario ed il Gruppo Imprenditoriale Geocuba.

Da parte americana hanno preso parte l’Amministrazione Nazionale Atmosferica e Oceanica (NOAA) ed esperti provenienti dalla Florida Atlantic University, specializzata in scienze marine.

La realizzazione della spedizione fa parte delle attività previste dal Piano di Lavoro Biennale adottato nel quadro del Memorandum d’Intesa sulla Cooperazione per la Conservazione e la Gestione delle Aree Marine Protette firmato all’Avana il 18 novembre 2015 tra il Citma, la NOAA ed il Servizio dei Parchi Nazionali del Ministero dell’Interno degli Stati Uniti.

A seguito delle recenti dichiarazioni dell’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che in un evento a Miami lo scorso venerdì ha dato l’annuncio ufficiale del dietrofront sul riavvicinamento con l’Isola intrapreso dal suo predecessore, ancora non si conosce il destino di altre spedizioni scientifiche congiunte analoghe già programmate dai due governi.

 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto

America Latina Cuba

URAGANO IRMA: CUBA RICEVE LA SOLIDARIETÀ DEGLI ALLEATI

Dopo l’urgano che ha devastato la costa nord dell’isola, Cuba riceve la solidarietà di molti paesi, tra cui la Russia, la Spagna e il Canada

Russia Venezuela

VENEZUELA: IL RUOLO DELLA RUSSIA

Il crescente sostegno di Mosca al presidente venezuelano Maduro potrebbe riproporre uno scenario simile a quello già vissuto in Siria, ma stavolta alle porte degli Stati Uniti


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.