Tunisia – Iran: nuovo impulso alla cooperazione politica ed economica

Pubblicato il 21 giugno 2017 alle 13:18 in Africa Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Colloqui bilaterali tra Tunisia ed Iran. All’ordine del giorno la crisi del Golfo ed il potenziamento dei rapporti economici tra i due Paesi.

Il Presidente tunisino, Beji Caid Essebsi, ed il ministro degli affari esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, si sono incontrati ieri nel palazzo presidenziale di Cartagine – sede ufficiale del presidente della Tunisia –  al fine di discutere i passi necessari a contenere la recente crisi del Golfo.

La visita del ministro iraniano è parte di un viaggio più ampio in Africa, durante il quale Zarif ha visitato anche l’Algeria e la Mauritania.

Secondo un comunicato della Presidenza tunisina, entrambi i Paesi hanno concordato sulla necessità di superare le diatribe in corso nel minor tempo possibile ed hanno espresso sostegno ai tentativi compiuti dall’emiro del Kuwait per risolvere la crisi del Golfo, causata, come è noto, dall’interruzione dei rapporti diplomatici con il Qatar da parte di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein, cui è seguito l’isolamento del Paese.

Il sostegno alla politica del Kuwait nella crisi del Golfo è stato espresso anche dal leader del partito islamista democratico Ennahda, Rachid Ghannouchi, il quale il 19 giugno scorso, in occasione del suo incontro con l’ambasciatore del Kuwait in Tunisia, Ali Amed Dhafiri, si è espresso a favore del dialogo come strumento privilegiato per la risoluzione del conflitto.

Il Presidente tunisino ed il ministro degli affari esteri iraniano hanno sottolineato l’importanza del confronto pacifico per trovare una soluzione politica globale alla crisi dell’area, in particolare in Siria e Yemen. Le parti hanno inoltre invitato tutti i Paesi a compiere sforzi congiunti e coordinati, allo scopo di contrastare l’estremismo ed il terrorismo.

Le parti hanno inoltre concordato di dare nuovo impulso alla cooperazione commerciale ed economica tra i due Paesi. Il ministro degli affari esteri tunisino, Khamis Alaghinawa, di concerto con il suo omologo iraniano, ha convocato una commissione mista per i primi mesi del 2018 ed ha organizzato la visita di una delegazione di imprenditori tunisini a Teheran, per esplorare le opportunità di cooperazione e di partenariato.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Bandiera della Tunisia. Fonte: Wikipedia.

Bandiera della Tunisia. Fonte: Wikipedia.

 

di Redazione

Articoli correlati

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leale all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.