Ancora violenza in Messico: corpi squartati in valigie a Cancún

Pubblicato il 20 giugno 2017 alle 8:34 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il macabro ritrovamento di due corpi fatti a pezzi e messi in alcune valigie a Cancún scuote la principale località turistica del Messico e mette in allarme l’intero settore all’inizio dell’alta stagione.

La polizia sulla spiaggia di Cancún. Fonte: Info7

La polizia sulla spiaggia di Cancún. Fonte: Info7

Due corpi, tre valigie. Questa è la tetra scena che gli investigatori si sono trovati di fronte venerdì 16 giugno in piena zona turistica di Cancún. Il ritrovamento di due corpi squartati ha scosso di nuovo la destinazione turistica principale del Messico. La violenza torna ad essere in prima pagina, stavolta a pochi giorni dall’apertura dell’alta stagione e dunque dall’arrivo in massa di turisti nazionali e provenienti da tutto il mondo per godersi le spiagge dei Caraibi messicani.

I fatti si sono verificati approssimativamente alle quattro di mattina del venerdì. Agenti della polizia locale hanno rinvenuto i corpi nelle vicinanze della struttura alberghiera Torres Península. Secondo le prime ricostruzioni della polizia locale si tratterebbe di un regolamento di conti tra gang locali che si contendono il dominio sull’ambita Cancún. Pensiamo ad una faida tra clan rivali “vista la forma in cui sono stati rinvenuti i corpi”, ha affermato un portavoce dell’Ufficio del Procuratore di Quintana Roo. Non ci sono al momento ulteriori dettagli sui responsabili e sulle esatte dinamiche degli omicidi.

Le autorità non hanno confermato il fatto che la sparatoria avvenuta nella notte di giovedì 15 giugno e il ritrovamento dei corpi squartati all’interno delle valigie possano essere correlati. “Le investigazioni sono ancora in corso ed è presto per fare speculazioni”, ha commentato un funzionario del dipartimento di polizia locale. Molti sono i dubbi anche riguardo alle possibili ripercussioni sul turismo, una delle principali fonti di introiti del paese.

Il governo di Quintana Roo ha aumentato il dispositivo di sicurezza nella località turistica.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto

America Latina Cuba

URAGANO IRMA: CUBA RICEVE LA SOLIDARIETÀ DEGLI ALLEATI

Dopo l’urgano che ha devastato la costa nord dell’isola, Cuba riceve la solidarietà di molti paesi, tra cui la Russia, la Spagna e il Canada


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.