Etiopia chiede al Gibuti e all’Eritrea di allentare le tensioni

Pubblicato il 20 giugno 2017 alle 6:14 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Etiopia sta tenendo sotto controllo gli sviluppi ai confini tra l’Eritrea ed il Gibuti.

Il 16 giugno, il ministro degli esteri del Gibuti, Mahamoud Ali Youssouf, ha accusato l’Eritrea di aver occupato un territorio presso i confini tra i due paesi, non appena i peacekeepers qatarini si sono ritirati nel corso della settimana passata. La decisione del Qatar, annunciata il 14 giugno dal ministro degli esteri di Doha, è avvenuta in seguito alla crisi diplomatica con altri paesi arabi, i quali, a partire dal 5 giugno, hanno accusato il Qatar di supportare il terrorismo. Nonostante le smentite dell’emiro qatarino, il paese del Golfo si trova momentaneamente isolato, godendo del supporto da parte dell’Iran e della Turchia, che hanno inviato aerei carichi di risorse a Doha nei giorni passati. Successivamente, il 17 giugno, l’Unione Africana (AU) è intervenuta nella questione dell’Eritrea e del Gibuti, rendendo noto di aver organizzato una missione lungo i confini tra i due paesi africani, in modo da valutare la situazione, ed ha richiamato entrambe le parti ad allentare le tensioni. In un comunicato emesso dalla Commissione dell’AU si legge che l’Unione si sta consultando con le autorità del Gibuti e dell’Eritrea, “nel tentativo di normalizzare la situazione e promuovere una politica di buon vicinato”.

L’Etiopia, gigante regionale molto importante in termini di economia e sicurezza, si è schierata affianco dell’AU. In un comunicato del Ministero degli Esteri etiope si legge che Addis Abeba chiede alle parti in gioco di allentare le tensioni e di utilizzare mezzi pacifici per risolvere la disputa. Inoltre, l’AU e l’Etiopia hanno chiesto alle Nazioni Unite di intervenire in loro sostegno. L’Onu, il 23 dicembre 2009, ha imposto sanzioni contro l’Eritrea con l’accusa di supporto ai gruppi terroristici somali e di al-Shabaab e anche a causa delle tensioni con il Gibuti. Nel 2011, tali sanzioni sono state prolungate con la Risoluzione 2023, adottata il 5 dicembre di quell’anno dal Consiglio di sicurezza dell’Onu.

È previsto che l’Etiopia diventi il principale esportatore di energia del Corno d’Africa ed il paese più importante per la produzione di energia rinnovabile di tutto continente. Una combinazione delle sue sorgenti idroelettriche, geotermiche, eoliche e solari è stimata a 60.000MW.

Bandiera dell'Etiopia. Fonte: Wikipedia

Bandiera dell’Etiopia. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.