Incidente tra una nave da guerra americana e una mercantile filippina

Pubblicato il 18 giugno 2017 alle 14:33 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 17 giugno, alle 2:30 del mattino locali, la nave da guerra americana USS Fitzgerald si è scontrata con un’imbarcazione mercantile delle Filippine, al largo di Yokosuka, nelle acque giapponesi.

La notizia è stata resa nota attraverso un comunicato della Marina americana, la quale ha riferito che, poco dopo la collisione, gli USA hanno richiesto il supporto della Guardia Costiera del Giappone, la quale si è immediatamente precipitata sulla scena dell’incidente. 3 membri dell’equipaggio sono stati subito trasferiti nell’ospedale navale di Yokosuka per ricevere cure mediche, mentre questa mattina, il Nerw York Times ha riportato che alcuni dei 7 operai dispersi sono stati rinvenuti. La marina non ha specificato se siano stati ritrovati vivi. Lo scontro ha provocato gravi danni alla Fitzgerald, soprattutto in corrispondenza delle caldaie e della stanza radio, le quali hanno iniziato ad imbarcare acqua. L’ammiraglio John Richardson, capo delle operazioni navali americane, ha riferito che gli USA ed il Giappone stanno collaborando a stretto contatto per trovare i 7 marinai dispersi e per stabilizzare la nave. “Siamo concentrati su due cose: la salvezza dei marinai e la messa in sicurezza dell’imbarcazione”, ha spiegato l’ammiraglio.

Reuters ha riportato che non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente. Un portavoce della Settima flotta statunitense ha riferito che, “una volta che le indagini saranno concluse, potranno iniziare le procedure legali”. Sull’altra nave, una mercantile filippina, nessun membro dell’equipaggio è rimasto ferito. Le acque nei pressi di Tokyo Bay, nelle vicinanze del punto in cui è avvenuta la collisione, sono molto trafficate per via della presenza dei porti di Tokyo e Yokohma.

Le regole internazionali marittime riguardanti eventuali incidenti non definiscono chi ha torto e chi ha ragione tra le parti coinvolte, ma forniscono alcuni standards comuni per far sì che le navi evitino di toccarsi. Incidenti del genere, tuttavia, sono abbastanza rari.

Nave della Marina americana. Fonte: Wikimedia Commons

Nave della Marina americana. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Afghanistan USA e Canada

TRUMP: NUOVA STRATEGIA AMERICANA IN AFGHANISTAN

Il presidente americano, Donald Trump, ha annunciato la nuova strategia americana in Afghanistan e nel sud-est asiatico, volta a rafforzare la sicurezza del proprio Paese

America centrale e Caraibi USA e Canada

ESODO DI HAITIANI VERSO IL QUÉBEC

Timorosi di perdere lo status di protezione temporanea negli USA, migliaia di haitiani si stanno recando, ormai da tre settimane, in Canada, nella speranza di poter rimanere nel paese

USA e Canada

MATTIS IN VISITA IN GIORDANIA E TURCHIA PER RAFFORZARE I LEGAMI CON GLI USA

Il segretario della difesa americano, Jim Mattis, si trova in Giordania per confermare la partnership strategica con gli Stati Uniti. Tale viaggio fa parte di un tour più ampio, volto a rafforzare i legami tra Washington e gli alleati mediorientali

Afghanistan USA e Canada

ATTESA LA NUOVA STRATEGIA AMERICANA IN AFGHANISTAN

Il presidente americano Donald Trump, a breve, renderà nota la nuova strategia degli Stati Uniti in Afghanistan

Cuba USA e Canada

CUBA: IL MISTERO DEI DIPLOMATICI SORDI

Washington e Ottawa hanno riconosciuto le indiscrezioni circolanti sulla stampa riguardo alla perdita dell’udito da parte di personale delle due ambasciate nordamericane all’Avana.

USA e Canada

REPUBBLICANI CONTRO TRUMP PER I COMMENTI SUI FATTI DI CHARLOTTEVILLE

I Repubblicani si sono schierati contro i commenti del presidente americano, Donald Trump, riguardo ai fatti di Charlottsville, in Virginia. A loro avviso, Trump doveva condannare immediatamente i neo-nazisti


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.