Crisi del Golfo: la reazione dei Fratelli musulmani in Libia

Pubblicato il 17 giugno 2017 alle 6:18 in Medio Oriente Qatar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Fratellanza musulmana in Libia invita Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein a rivedere la loro posizione nei confronti del Qatar, promuovendo il dialogo come strumento di soluzione alla crisi.

La Fratellanza musulmana in Libia invita Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein a rivedere la loro posizione nei confronti del Qatar e li invita a privilegiare gli interessi dell’area del Golfo.

In un suo comunicato, la Fratellanza afferma che le misure adottate dai Paesi del Golfo contro il Qatar “violano i diritti del popolo qatarino” e solleva dubbi sull’appartenenza alla rete terroristica delle organizzazioni umanitarie elencate nella lista pubblicata lo scorso 8 giugno da Arabia Saudita, Egitto, Bahrein ed Emirati Arabi Uniti. In merito a questo punto, in particolare, la Fratellanza sottolinea che “la comunità internazionale ha assistito al loro lavoro umanitario”.

Parole di elogio vengono espresse, invece, nei confronti del Qatar, per aver reagito riaffermando la necessità del dialogo quale strumento di soluzione della controversia. La Fratellanza si rivolge anche ai leader e agli ulama dei Paesi musulmani, formulando l’ennesimo invito al dialogo.

Il comunicato esorta, inoltre, i Paesi del Golfo ad astenersi dall’interferire  “nelle dispute politiche” e a “trattare la crisi tra governi, lontano dalle esagerazioni mediatiche”.

Il gruppo elogia “il ruolo positivo del consiglio di presidenza del Governo di riconciliazione nazionale e dell’Alto Consiglio di Stato” – l’organo legislativo del governo libico riconosciuto dalla comunità internazionale – “nel prendere le distanze dalla crisi e nell’evitare di schierarsi.” Tuttavia, avverte che in Libia alcuni – non meglio definiti – stanno cercando di sfruttare le conseguenze della crisi del Golfo per realizzare i propri interessi politici.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Bandiera del Qatar. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera del Qatar. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.