Attacco di al-Shabaab a Mogadiscio, 31 morti

Pubblicato il 17 giugno 2017 alle 6:33 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

31 persone sono morte, mentre altre 26 sono state ferite nel corso di una sparatoria, il 15 giugno, tra le forze di sicurezza somale e alcuni militanti di al-Shabaab che avevano preso in ostaggio i clienti di un ristorante di Mogadiscio, dopo aver lanciato un’autobomba contro un altro locale vicino.

Il portavoce della polizia somala, Ahmed Mohamed Mahmoud, ha riferito che l’assalto è finito la mattina di giovedì e che le indagini sono ancora in corso. L’autobomba è stata scagliata da 5 terroristi contro un locale di una zona della capitale molto frequentata, mentre i cittadini stavano festeggiando il Ramadan. Subito dopo, alcuni uomi armati hanno preso in ostaggio un altro ristorante, che è stato poi circondato dai soldati somali, i quali hanno iniziato a sparare contro gli assalitori. Nel corso delle operazioni, alcuni ostaggi sono stati messi in salvo dagli agenti. Tra le 18 vittime ci sono sia stranieri, sia bambini. Secondo quanto riportato dal servizio di ambulanze locali Aamin Amculance, 26 feriti sono stati trasferiti in ospedale.

L’attacco è stato l’attentato più mortale che è stato compiuto dal gruppo dall’inizio del mese sacro del Ramadan.

Al Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un’organizzazione fondamentalista nata intorno al 2006 che combatte il governo somalo, appoggiato dalle Nazioni Unite. Fino al 2011, il gruppo terroristico, affiliato ad Al-Qaeda, controllava gran parte della Somalia, inclusa la capitale Mogadiscio. Negli ultimi due anni, l’Unione Africana e le autorità hanno rafforzato la propria cooperazione militare, costringendo i terroristi ad abbandonare importanti roccaforti urbane. Tuttavia, i militanti, attivi soprattutto nel sud del paese, continuano a compiere attacchi sistematici. Il gruppo mira a rovesciare il governo somalo per eliminare le truppe di peacekeeping dell’Unione Africana e imporre la propria interpretazione della sharia.

L’11 giugno, il Pentagono ha effettuato un raid aereo contro i miliziani di al-Shabaab, a 185 miglia da Mogadiscio, dove è stato colpita una roccaforte dei terroristi, con l’aiuto delle forze speciali somale.

Capitale della Somalia, Mogadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

Capitale della Somalia, Mogadiscio. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Togo

TOGO: AUMENTANO LE TENSIONI

Nel corso dei giorni passati, le proteste contro la dinastia al potere dei Gnassingbe hanno fatto crescere le tensioni interne

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFRICANA: CONTINUANO LE VIOLENZE

13 persone sono state uccise a Bria, nella Repubblica Centrafricana, dove la violenza sta causando un numero sempre più elevato di vittime

Africa Egitto

EGITTO, GIORDANIA E PALESTINA DISCUTONO LA QUESTIONE PALESTINESE

I ministri degli esteri di Giordania, Egitto e Autorità Palestinese si sono riuniti per discutere il processo di pace israeliano-palestinese

Africa Burkina Faso

IL BURKINA FASO E IL TERRORISMO

Il Burkina Faso, Paese dell’Africa occidentale senza alcuno sbocco al mare, è uno degli Stati più poveri al mondo. L’ultimo attacco terroristico nel Paese si è verificato il 13 agosto, quando uomini armati hanno attaccato un ristorante turco nella capitale Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, uccidendo 18 persone e ferendone altre 8

Africa Libia

LIBIA: PIÙ DI 550,000 BAMBINI NECESSITANO ASSISTENZA

Più di 555,000 bambini in Libia hanno bisogno di assistenza e cure. È quanto riporta il direttore generale regionale dell’UNICEF, Geert Cappalaere, che di recente si è recato in visita nel Paese nordafricano

Africa Egitto

EGITTO: ENTRA IN VIGORE L’ACCORDO DI TIRAN E SANAFIR

L’accordo di Tiran e Sanafir, che ridefinisce i confini marittimi tra Arabia Saudita ed Egitto, è entrato ufficialmente in vigore


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.