L’Egitto propone di fornire elettricità a Gaza in cambio di alcune richieste di sicurezza

Pubblicato il 16 giugno 2017 alle 6:18 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

The New Arab ha reso noto che l’Egitto ha offerto più libertà ad Hamas nella Striscia di Gaza, insieme a ulteriori forniture di energia elettrica, in cambio di alcune richieste di sicurezza.

L’offerta è stata avanzata in seguito alle restrizioni delle forniture elettriche da parte di Israele ai territori di Gaza, dove i residenti vivono in condizioni precarie, con meno di 4 ore di elettricità al giorno. L’approvazione della mozione israeliana è stata annunciata dalle autorità di Gerusalemme il 27 aprile, su richiesta della Palestinian Authority (PA). Il presidente della PA, Mahmoud Abbas, ha informato Israele che la PA pagherà solo il 60% degli 11,19 milioni di dollari mensili di elettricità, come fa Hamas, che è la fazione palestinese che governa Gaza.

Tra le richieste fatte dall’Egitto c’è il rilascio di 17 detenuti egiziani ricercati dal Cairo per accuse di terrorismo, la fine delle forniture di armi nella regione del Sinai e l’incremento delle misure di sicurezza e di intelligence presso i tunnel a Gaza. La proposta sarebbe stata offerta al capo di Hamas della zona, Yahya Sinwar, nel corso di una sua visita nella capitale egiziana.

Il 12 giugno, il gabinetto di sicurezza israeliano ha approvato la riduzione del 40% delle forniture di elettricità nella Striscia di Gaza, in linea con le richieste del presidente della Palestinian Authority (PA), Mahmoud Abbas, per mettere pressione su Hamas, la principale rivale della sua fazione palestinese Fatah.

Nonostante la proposta egiziana, non è ancora chiaro se l’Egitto riuscirebbe a stabilizzare la crisi dell’elettricità a Gaza. Il paese nordafricano può fornire 25 megawatts al giorno, i quali costituiscono solo il 6,25% della quantità di elettricità necessaria al territorio palestinese. Dal momento che, recentemente, a causa del malfunzionamento degli impianti elettrici, l’Egitto ha sospeso le proprie forniture a Gaza, Israele è stato l’unica fonte di energia.

Le relazioni tra il Cairo e Hamas sono state controverse fin dal rovesciamento del presidente islamista Mohammed Morsi, nel 2013. Negli ultimi anni, alcune delegazioni dell’organizzazione palestinese si sono recate in Egitto nella speranza di alleviare le tensioni. Tuttavia, l’Egitto accusa Hamas di supportare l’ISIS e le milizie estremiste che operano nella regione del Sinai. Dall’altra parte, la fazione palestinese non è convinta che il paese nordafricano sia un partner affidabile.

Campo palestinese a Gaza. Fonte: Wikipedia Commons

Campo palestinese a Gaza. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.