Messico, taglia di 80.000 dollari sugli assassini dei giornalisti uccisi negli ultimi mesi

Pubblicato il 15 giugno 2017 alle 6:30 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Procura Federale della Repubblica Messicana offre 1,5 milioni di pesos (circa 82.000 dollari americani) a chi fornisca informazioni che portino alla cattura dei responsabili degli omicidi dei sei giornalisti avvenuti quest’anno.

La Procura ha reso noto questo martedì 13 giugno in un comunicato ufficiale che la ricompensa è estesa a ciascuno dei sei casi di omicidio, per un totale di nove milioni di pesos (circa mezzo milione di dollari).

Omicidio del giornalista Juan Valdes. Fonte: El País

Omicidio del giornalista Juan Valdes. Fonte: El País

La violenza nei confronti della stampa in Messico è aumentata durante la prima metà del 2017, con una media di un giornalista assassinato ogni mese, per un totale di sette omicidi. La Procura messicana è ancora alla ricerca degli assassini di Cecilio Pineda, ucciso lo scorso marzo; di Ignacio Miranda, assassinato a dicembre a Jalisco; di Javier Valdez, rimasto ucciso in un agguato a maggio; di Maximino Rodríguez, morto lo scorso aprile nello stato messicano della Bassa California del Sud; di Miroslava Breach, assassinata a marzo e dei responsabili dell’attacco contro la giornalista Sonia Córdoba nel quale rimase ucciso anche suo figlio, anch’egli giornalista.

L’annuncio è stato fatto dopo le numerose critiche mosse al Governo messicano per non essere stato capace di consegnare alla giustizia i colpevoli di tali crimini. Le autorità, ad oggi, non hanno reso pubblico alcun aggiornamento sulle indagini.

La proposta sarebbe arrivata dalla dalla Procura Specializzata in Crimini contro la Libertà d’Espressione (Feadle), attualmente a capo delle indagini. Secondo le stime ufficiali, la Feadle si è occupata negli ultimi 6 anni di circa 800 casi, dei quali soltanto tre sono stati risolti con una condanna nei confronti dei responsabili. Il 99,7% dei casi non è stato ancora risolto.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.