Malesia, anti-terrorismo al massimo per il Ramadan

Pubblicato il 15 giugno 2017 alle 7:36 in Asia Malesia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità della Malesia stanno intraprendendo “tutte le misure necessarie” per prevenire il verificarsi di attacchi terroristici durante il mese del Ramadan. Si tratta del mese sacro per i musulmani e un periodo in cui i militanti islamisti sono convinti di poter ricevere maggiori benedizioni divine, secondo le dichiarazioni del dell’ispettore generale della Polizia di Kuala Lumpur, Khalid Abu Bakar.

“Non voglio dire quale tipo di preparativi stiamo facendo, perché non voglio creare allarmismo non necessario, ma vi assicuro che stiamo prendendo tutte le misure possibili per evitare qualsiasi incidente o disgrazia. Le unità per l’anti-terrorismo stanno lavorando a trecentosessanta gradi”, ha dichiarato il capo della polizia della Malesia durante una conferenza stampa del 14 giugno.

Saranno 40 mila gli ufficiali delle forze dell’ordine a rimanere pronti all’azione per garantire la sicurezza durante il mese di festività.

Finora, la Malesia ha vissuto un attentato terroristico legato all’Isis, secondo la polizia. Si tratta dell’esplosione di una granata nel locale Movida nello stato di Selangor che causò otto feriti, il 28 giugno 2016.

Secondo il Ministero degli Interni di Kuala Lumpur, 234 cittadini malesi sono stati arrestati per sospetto coinvolgimento con l’Isis, il 22 febbraio. Sono anche stati indentificati 95 cittadini della Malesia che si sono uniti all’Isis in Siria.

L’allerta anti-terrorismo è massima in tutti i paesi del Sud-Est Asiatico, soprattutto dopo l’assedio della città di Marawi, nelle Filippine meridionali, da parte di un gruppo terroristico fedele all’Isis noto come Maute. I paesi dell’Asia sud-orientale temono che le cellule dell’Isis che perdono terreno in Siria e in Iraq possano decidere di muoversi verso la loro regione per creare una nuova roccaforte e unirsi ai militanti locali.

Bandiera della Malesia. Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera della Malesia. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.