Zarif si scaglia contro l’Arabia Saudita

Pubblicato il 14 giugno 2017 alle 15:05 in Iran Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nel corso del meeting di apertura dell’Oslo Forum in Norvegia, ieri, il ministro degli esteri iraniano, Mohammad Javaad Zarif si è scagliato contro l’Arabia Saudita, dicendo che l’intelligence iraniana è convinta che Riyad sia coinvolta nella promozione del terrorismo.

Ad avviso degli analisti iraniani, il regno saudita è dietro alle attività terroristiche attive in Iran. Non a caso, sostiene Teheran, l’ISIS, i cui militanti si ispirano all’ideologia Wahhabista saudita, ha rivendicato gli attacchi simultanei avvenuti nella capitale iraniana il 7 giugno, che hanno causato la morte di 17 persone.  Le affermazioni del ministro degli esteri saudita, Adel al-Jubeir, riferite il giorno prima dell’attacco, hanno rafforzato la convinzione degli ufficiali iraniani. Il 6 giugno, Jubeir aveva affermato che l’Iran “sarebbe stato punito per le sue interferenze nella regione”, mentre il 2 maggio il principe saudita, Mohammed bin Salman, aveva dichiarato che Teheran mirava a prendere il controllo di alcuni siti islamici presenti in Arabia Saudita, ma che il regno non avrebbe permesso una guerra all’interno dei propri territori, spingendo affinché gli scontri avvenissero in terra iraniana.

Zarif ha riferito che tali affermazioni costituiscono una minaccia e una provocazione diretta contro il proprio paese. “L’Arabia Saudita è l’unica perdente nella regione, perciò fa affermazioni per nascondere la sua incompetenza e per creare una nuova crisi; se Riyad fosse stata tanto potente, non avrebbe massacrato 10,000 yemeniti innocenti”, ha affermato il ministro iraniano.

L’Arabia Saudita è la principale rivale dell’Iran nella regione mediorientale. I principali terreni di scontro tra i due paesi sono il conflitto siriano ed il conflitto yemenita. Nell’ambito della Siria, l’Iran supporta fortemente il presidente Bassar al-Assad, mentre l’Arabia Saudita lo ha accusato di genocidio e fornisce supporto all’opposizione siriana che cerca di rovesciare il regime. In Yemen, dove è in corso una guerra dal marzo 2015, Riyad è a capo di una coalizione che bombarda i ribelli sciiti Houthi, i quali, ad avviso dei sauditi, sono appoggiati da Teheran. Dall’altra parte, l’Iran accusa sistematicamente l’Arabia Saudita di uccidere civili innocenti con i suoi bombardamenti. Da quando è scoppiata la crisi diplomatica del Golfo, il 5 giugno, i due paesi hanno, ancora una volta, assunton posizioni differenti. Mentre Riyad è stata la promotrice del taglio dei rapporti con il Qatar e del suo isolamento, Teheran sostiene il paese del Golfo, inviando carichi di risorse alimentari.

L’Oslo Forum è un network internazionale, con sede in Norvegia, che effettua un’attività di mediazione nell’ambito dei conflitti armati.

Javad Zarif. Fonte: Wikimedia Commons

Javad Zarif. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.