Organizzazione di Shanghai, siglata la convenzione contro gli estremismi

Pubblicato il 13 giugno 2017 alle 7:08 in Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Siglata la Convenzione per la lotta agli estremismi durante il vertice della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, in Kazakistan. I leader dei paesi membri vogliono affrontare insieme le sfide poste dalla diffusione degli estremismi e del terrorismo.

Si è concluso il vertice annuale di due giorni dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), tenutosi ad Astana l’8 e il 9 giugno, con il raggiungimento di alcuni risultati importanti. Primo tra tutti, è stato ufficializzato l’ingresso formale nell’organizzazione di India e Pakistan, che avevano avviato la procedura di ingresso rimasta per diverso tempo in sospeso. In secondo luogo, è stata siglata un’importante “Convenzione dell’Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione contro gli estremismi” con il fine da parte degli stati membri di unirsi per fronteggiare le minacce del terrorismo e dell’estremismo islamico. Una delle missioni dell’organizzazione è quella di tutelare la sicurezza e la stabilità della regione asiatica e di stabilire una linea comune, con la costituzione di meccanismi di cooperazione e l’implementazione di piani di azione concreta. La Convezione firmata è stata elaborata sulla bozza proposta dal presidente della Cina Xi Jinping, presentata nel 2014 e discussa durante il vertice dei capi di stato e di governo del 2015.

I paesi membri hanno anche stabilito di continuare a rafforzare la cooperazione tra nuovi e vecchi membri dell’organizzazione in quello che definiscono “lo spirito di Shanghai”. Si è altresì raggiunto l’accordo in merito alla necessità di promuovere un ordine internazionale che sia più equo, più razionale e che vada verso l’obiettivo di costruire un destino comune per l’umanità, come più volte auspicato dal presidente della Cina. Tutti i paesi della SOC hanno espresso apprezzamento per il forum “Belt and Road” sulla Nuova Via della Seta tenutosi a Pechino lo scorso maggio, i paesi hanno altresì riscontrato una forte corrispondenza di obiettivi tra l’iniziativa Nuova Via della Seta e i piani strategici di sviluppo di ciascun paese.

I membri dell’Organizzazione si sono anche accordati per ampliare la cooperazione in materia di sicurezza, economia e incontri people to people e nell’implementazione della convenzione siglata durante il vertice stesso. Altro obiettivo comune dei paesi membri è quello di promuovere il commercio regionale e facilitare gli investimenti. L’organizzazione ha siglato la convenzione per la lotta agli estremismi mostrando la volontà dei suoi membri di affrontate di concerto le sfide alla sicurezza e di innalzare il livello di cooperazione a livello gestionale e migliorare la legislazione in materia.

La Cina sarà il paese alla presidenza di turno dell’organizzazione e il presidente Xi Jinping ha proposto che l’edizione 2018 del forum si svolga in Cina. Pechino ha intenzione di presentare, durante la sua presidenza, una serie di proposte innovative e di misure in materia di politica, economia, sicurezza e costruzione di meccanismi di cooperazione.

L’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (Shanghai Cooperation Organisation, SCO) è un organismo intergovernativo fondato il 14 giugno 2001 dai capi di Stato di sei Paesi: CinaRussiaKazakistanKirghizistanTagikistan e Uzbekistan. Questi paesi, con l’eccezione dell’Uzbekistan, facevano già parte dello Shanghai Five (noto in Italia come Gruppo di Shanghai). Dopo l’adesione dell’Uzbekistan, nel 2001, i membri dell’organizzazione decisero di cambiarne il nome in quello attuale. L’organizzazione si occupa di cooperazione in materia di sicurezza, rapporti commerciali ed economia e cultura.

Consultazione delle fonti cinesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

Rappresentanti degli stati membri della SCO riuniti, fonte: Wikipedia Commons

Rappresentanti degli stati membri della SCO riuniti, fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.