Incontro tra Cavusoglu e gli ambasciatori di tre paesi del Golfo ad Ankara

Pubblicato il 13 giugno 2017 alle 13:54 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli esteri turco, Mevlut Cavusolgu, ha incontrato gli inviati dell’Arabia Saudita, del Bahrein e degli Emirati Arabi Uniti (UAE) ad Ankara, nel tentativo di cercare di alleviare le tensioni tra i paesi arabi ed il Qatar.

Il quotidiano turco, Hurriyet Daily, riporta che Cavusoglu ha riferito agli inviati del Golfo che il presidente Recep Tayyip Erdogan vorrebbe che la disputa diplomatica in corso finisse e che l’embargo imposto a Doha venisse sospeso prima della conclusione del mese sacro del Ramadan.

La crisi nel Golfo è iniziata il 5 giugno, quando l’Arabia Saudita, insieme al Bahrein, agli UAE e all’Egitto, ha annunciato l’interruzione dei rapporti con il Qatar, accusandolo di supportare il terrorismo. Il Kuwait sta cercando di svolgere un ruolo da mediatore per allentare le tensioni. Dal momento che sono stati interrotti tutti i traffici aerei, marittimi e terrestri con il paese del Golfo, la Turchia e l’Iran hanno inviato risorse alimentari al Qatar, il quale nega le accuse che sono state mosse dagli altri paesi arabi.

L’incontro tra Cavusoglu e gli ambasciatori dei tre Stati del Golfo è avvenuto a tre giorni di distanza dalla richiesta di Erdogan riguardo alla rimozione del blocco contro il Qatar, in quanto a suo avviso, l’isolamento del paese non risolverà alcun problema regionale. Il leader turco ha anche giurato di fare tutto ciò che è in suo potere per risolvere la questione.

Il 7 giugno, a soli due giorni dall’inizio della crisi, il Parlamento turco ha ratificato un accordo militare per inviare le proprie truppe in una base turca stanziata in Qatar, per mostrare il proprio supporto a Doha. Tale patto era stato firmato nell’aprile 2016 nella capitale qatarina con il fine di aumentare la collaborazione militare tra i due paesi. L’installazione della base militare turca in Qatar, la quale ospita già 200 soldati e può ricevere più di 5,000 truppe, risale al 2014. L’emittente qatarina Al-Jazeera English ha riportato che, secondo alcuni analisti, la decisione turca non deve essere interpretata come anti-saudita, ma come un appoggio al Qatar in un momento in cui sta affrontando un isolamento diplomatico e commerciale, in quanto Ankara mira a mantenere buoni rapporti sia con Doha, sia con Riyad.

il ministro turco Çavuşoglu. Fonte: pars today

il ministro turco Çavuşoglu. Fonte: pars today

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.