India e Stati Uniti: incontro tra Trump e Modi a fine giugno

Pubblicato il 12 giugno 2017 alle 18:24 in Asia India

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro dell’India, Narendra Modi, incontrerà il presidente Donald Trump a Washington il 26 giugno prossimo, per discutere dei rapporti bilaterali e cercare un punto d’incontro tra due politiche nazionali diametralmente opposte.

I rapporti tra India e Stati Uniti sono cresciuti rapidamente durante l’amministrazione Obama, il quale considerava la Cina un partner importante per controbilanciare la rapida crescita della Cina in Asia. Le cose sembrano essere cambiate con l’ingresso di Trump alla Casa Bianca. Il nuovo presidente, dopo aver accusato e criticato aspramente Pechino durante la campagna elettorale, si sta ora concentrando sul costruire un rapporto saldo con la Cina di cui ha bisogno per affrontare i problemi più impellenti dell’Asia-Pacifico, primo tra tutti la questione del nucleare in Corea del Nord. Il primo ministro dell’India andrà in visita a Washington e ha dichiarato che spera il dialogo con Trump possa gettare le basi per un’ulteriore espansione dei rapporti.

“Il dialogo tra i due leader fornirà una nuova direzione che condurrà a un maggiore impegno bilaterale basato sugli interessi reciproci e sul consolidamento di un partenariato strategico multi dimensionale tra India e Stati Uniti”, ha dichiarato il ministero degli esteri indiano.

Gli Stati Uniti sono uno dei maggiori fornitori di armi per l’India e le due parti, durante l’incontro, cercheranno di promuovere nuovi accordi sui droni non armati che New Delhi vorrebbe per installare sulle sue navi.

Modi sta portando avanti la campagna “fare in India” per attirare un numero sempre maggiori di fabbriche di armi straniere ad aprire filiali sul territorio nazionale, sperando così di promuovere l’attività industriale e di creare occupazione. Al tempo stesso, il premier auspica che le aziende straniere possano effettuare sempre maggiori transfer tecnologici invece di vendere prodotti finiti. L’India è attualmente uno dei maggiori importatori di armi, ma non possiede una base di produzione sul territorio nazionale.

Trump ha invece finora portato avanti una politica di disincentivo alle aziende nazionali ad uscire dal paese e a delocalizzare, parte integrante della sua campagna “America First”.

Il Primo Ministro indiano, Narendra Modi. Fonte: Blogepedia.

Il Primo Ministro indiano, Narendra Modi. Fonte: Blogepedia.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.