Il Partito Comunista dell’Uruguay celebra il XXXI congresso

Pubblicato il 6 giugno 2017 alle 9:58 in America Latina Uruguay

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Partito Comunista dell’Uruguay (PCU) ha ribadito in occasione del XXXI congresso posizioni contrarie a quelle del governo di cui fa parte, esprimendo sostegno al Venezuela di Maduro e alle “lotte popolari” in Argentina, Brasile e Paraguay.

Logo del XXXI congresso del PCU. Fonte:pcu.uy

Logo del XXXI congresso del PCU. Fonte:pcu.uy

I comunisti uruguaiani di fronte alla situazione continentale ribadiscono le proprie posizioni di internazionalismo, solidarietà con la lotta dei popoli e condanna dell’imperialismo. Con queste dichiarazioni di principio si è chiuso lo scorso 4 giugno a Montevideo il XXXI congresso del PCU.

Nel centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, il PCU ha confermato la propria linea politica e si è detto ispirato dalla rivoluzione cubana, cui ha espresso tradizionale solidarietà.

Il Partito Comunista dell’Uruguay ha espresso sostegno al presidente del Venezuela Nicolás Maduro, che affronta una dura contestazione interna, e alle “lotte popolari in Argentina, Brasile e Paraguay“. Una posizione di rottura con il governo del Frente Amplio del presidente Vázquez, di cui i comunisti sono parte integrante. Assieme ai governi di Argentina, Brasile e Paraguay, infatti, Montevideo ha approvato la sospensione e la successiva espulsione del Venezuela dal Mercato Comune del Sud (Mercosur).

Il partito ha condannato la “controffensiva imperialista e capitalista” nel continente sudamericano, ha salutato la vittoria del socialista Lenín Moreno in Ecuador e preso posizione in favore dell’indipendenza di Puerto Rico.

Il documento del PCU lancia infine un’avvertimento all’alleanza di governo, mancano ancora due anni di legislatura e non bisogna cullarsi sugli allori, ma lottare per un’Uruguay più giusto e solidale, senza assumere posizioni meramente difensive.

Il governo del Presidente Vázquez conta su una fragile maggioranza in entrambe le camere (15 senatori su 30 e 50 deputati su 99), i contrasti con il PCU in materia di politica estera e regionale rendono decisivo il sostegno delle opposizioni di centro destra.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.