Il Kazakistan si prepara ad accogliere i leader asiatici

Pubblicato il 6 giugno 2017 alle 18:30 in Asia Kazakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Kazakistan si prepara all’inaugurazione della EXPO 2017 e ad accogliere 17 capi di stato  e di governo della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai ad Astana, secondo quanto riportato dal Ministero degli Esteri.

I capi di stato e di governo arriveranno ad Astana per partecipare alla riunione della Shanghai Cooperation Organisation (SCO), un incontro che sarà teatro della sigla di diversi documenti importanti. I leader dei membri della SCO sigleranno la Dichiarazione di Astana e adotteranno la convezione per la lotta contro l’estremismo. “Spero che l’Organizzazione delibererà anche sul completamento della procedura di ingresso alla SCO da parte di India e Pakistane e che i due paesi vengano promossi a stati membri”, ha dichiarato il Ministro degli Esteri del Kazakistan, Abdrakhmanov.

L’ingresso di Pakistan e India nell’Organizzazione permetterebbe alla stessa di ampliarsi a tutta la regione dell’Asia e di diventare una delle organizzazioni regionali più influenti.

La riunione dei leader avrà luogo in una due giorni il 7 e 8 giugno e si concluderà con un concerto di gala e con la cerimonia di apertura dell’esposizione internazionale EXPO 2017.

Tra i capi di stato attesi in arrivo ad Astana spicca il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping. Si tratterà del suo primo viaggio di stato dopo il forum sulla Nuova Via della Seta da egli stesso organizzato a Pechino. Il rappresentante del Ministero degli Esteri di Pechino, Li Hui, ha annunciato il viaggio del presidente all’insegna della promozione del progetto Nuova Via della Seta (One Belt One Road- Obor) del quale la collaborazione con il Kazakistan è un pilastro portante, soprattutto per il settore energetico. Il 2017 segna anche la ricorrenza del 25esimo anniversario dallo stabilimento dei rapporti diplomatici tra Pechino ed Astana.

L’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (Shanghai Cooperation Organisation, SCO) è un organismo intergovernativo fondato il 14 giugno 2001 dai capi di Stato di sei Paesi: CinaRussiaKazakistanKirghizistanTagikistan e Uzbekistan. Questi paesi, con l’eccezione dell’Uzbekistan, facevano già parte dello Shanghai Five (noto in Italia come Gruppo di Shanghai). Dopo l’adesione dell’Uzbekistan, nel 2001, i membri dell’organizzazione decisero di cambiarne il nome in quello attuale. L’organizzazione si occupa di cooperazione in materia di sicurezza, rapporti commerciali ed economia e cultura.

TAS09: St.PETERSBURG, RUSSIA. JUNE 7. Participants of the meeting in a narrow format (L-R) President of Russia Vladimir Putin, Kazakh President Nursultan Nazarbayev, Chinese Chairman Jiang Zemin, Kyrgyz President Askar Akayev and Tajik President Emomali Rakhmonov after the meeting that opened the St.Petersburg summit of the Shanghai Cooperation Organisation. (Photo ITAR-TASS / Alexei Panov) ----- ÒÀÑ31 Ðîññèÿ, Ñàíêò-Ïåòåðáóðã , 7 èþíÿ. Ïðåçèäåíò Ðîññèè Âëàäèìèð Ïóòèí, ïðåçèäåíò Êàçàõñòàíà Íóðñóëòàí Íàçàðáàåâ, ïðåäñåäàòåëü ÊÍÐ Öçÿí Öçýìèíü, ïðåçèäåíò Êèðãèçèè Àñêàð Àêàåâ, ïðåçèäåíò Òàäæèêèñòàíà Ýìîìàëè Ðàõìîíîâ (íà ñíèìêå ñëåâà íàïðàâî) ïîñëå îêîí÷àíèÿ çàñåäàíèÿ â óçêîì ñîñòàâå, êîòîðûì ñåãîäíÿ â Ñàíêò-Ïåòåðáóðãå îòêðûëñÿ ñàììèò Øàíõàéñêîé îðãàíèçàöèè ñîòðóäíè÷åñòâà /ØÎÑ/. Ôîòî Àëåêñåÿ Ïàíîâà (ÈÒÀÐ-ÒÀÑÑ)

Membri della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.