Australia: un sospetto militante ucciso dalla polizia

Pubblicato il 6 giugno 2017 alle 7:20 in Asia Australia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La polizia dell’Australia ha ucciso un uomo che aveva preso una donna in ostaggio a Melbourne, lunedì 5 giugno. Sono in corso le indagini per stabilire se l’incidente fosse o meno collegato ad attività dei militanti islamisti.

Tre poliziotti sono stati feriti durante il raid, durato più di un’ora, in un palazzo nella zona di Brighton, a Melbourne, secondo quanto dichiarato dalle forze dell’ordine. Oltre all’uomo ucciso dalla polizia, sarebbe stato trovato il cadavere di un altro morto per una ferita da arma da fuoco.

La polizia ha tentato di negoziare con l’uomo che si era barricato dentro un appartamento e ha dichiarato, tramite il suo account Twitter “pensiamo che una donna sia lì dentro con lui e che non egli non le permetta di uscire”. Un’ora dopo le stesse forze dell’ordine hanno fatto sapere che la situazione era stata risolta – con la morte dell’uomo – e che la donna era salva. Sono ora in corso le indagini per stabilire se ci fossero o meno legami terroristici dietro le azioni dell’uomo.

Diversi media australiani hanno riportato che il programma di news Channel7 avrebbe ricevuto una chiamata da un uomo che affermava di essere legato alla situazione della donna in ostaggio. “Il mio collega riusciva a sentire dal telefono le grida di una donna sullo sfondo e l’uomo che ha chiamato ha detto al mio collega: questo è per l’Isis, è per Al Qaeda”, ha raccontato il reporter di Channel7, Paul Dowsley.

Le indagini della polizia comprendono anche la telefonata. “Credo che potrebbe essere arrivata una telefonata da qualcuno a Channel7”, ha dichiarato il vice commissario Andrew Crisp ai giornalisti presenti sulla scena dell’incidente. “Lavoreremo con la redazione di Channel7 per capire di più su quella telefonata”, ha concluso.

Secondo le notizie riportate dallo Herald Sun, l’uomo che ha preso in ostaggio la donna era noto all’unità anti-terrorismo della polizia, anche se Crisp ha affermato che egli non era stato ancora indentificato con precisione. Il nucleo anti-terrorismo sta partecipando alle indagini, secondo quanto dichiarato dal vice commissario. Non è ancora stato reso noto se l’uomo e la donna si conoscessero o meno.

L’Australia, un fiero alleato degli Stati Uniti sta aumentando la sua attività di anti-terrorismo e le sue azioni contro i gruppi militanti filo-Isis ed è all’erta da diverso tempo a causa di attentati condotti da militanti australiani che tornano in patria dopo aver combattuto in Medio Oriente.

Bandiera dell'Australia. Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera dell’Australia. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale

Asia Corea del Sud

Corea: esercitazione aerea tra USA e Corea del Sud

La Corea del Sud e gli Usa hanno avviato un’esercitazione aerea congiunta sul cielo coreano, mentre Cina e Russia hanno avviato gli esercizi navali bilaterali

Asia Cina

Cina: colloquio telefonico Trump-Xi Jinping su Corea del Nord

Trump e Xi Jinping hanno avuto un colloquio telefonico, secondo la Casa Bianca si sarebbero accordati per massimizzare la pressione su Pyongyang, nessun riferimento a tale accordo sui media cinesi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.