Tensioni tra gli Emirati Arabi Uniti e il presidente yemenita Hadi

Pubblicato il 3 giugno 2017 alle 15:14 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Alcuni ufficiali yemeniti hanno reso noto che le forze appoggiate dagli Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno ripreso il controllo dell’aeroporto a sud di Aden, facendo aumentare le tensioni tra Abu Dhabi e il presidente dello Yemen, Mansour Hadi.

Gli UAE fanno parte della coalizione saudita che bombarda i ribelli sciiti Houthi in Yemen, dal 25 marzo 2015, e che sostiene Hadi. La guerra civile yemenita è scaturita da un conflitto tra gli Houthi, alleati con le forze fedeli all’ex presidente yemenita, Ali Abdullah Saleh, e i sostenitori dell’attuale presidente Hadi. Dal 20 gennaio 2015, gli Houthi controllano la capitale Sana’a, mentre il governo di Hadi, riconosciuto come presidente legittimo dalla comunità internazionale, ha sede ad Aden, nel sud del paese. Nonostante gli UAE siano parte della coazione saudita, sono emerse tensioni intorno al controllo dell’aeroporto di Aden, il quale costituisce la principale via d’uscita dalla città yemenita. Nel corso del tempo, le forze degli UAE hanno tentato ripetutamente di conquistare il sito, senza successo. Dall’altra parte, i sostenitori di Hadi accusano gli UAE di appoggiare alcuni gruppi locali che vorrebbero creare un governo indipendente nel sud dello Yemen, il quale permetterebbe ad Abu Dhabi, una delle principali economie della regione, di mantenere la propria presenza nel porto strategico di Aden.

I primi scontri intorno alla questione sono iniziati a febbraio, quando il capo della sicurezza dell’aeroporto, Saleh al-Emeiry, alleato degli UAE, si è rifiutato di far atterrare l’aereo di Hadi ad Aden. In reazione, il presidente yemenita ha ordinato che Emeiry venisse licenziato e, una volta che le sue forze sono arrivate all’aeroporto per eseguire gli ordini, sono scoppiati gli scontri. Da allora, il controllo del luogo era rimasto diviso tra gli UAE e i sostenitori del presidente.

Lo Yemen, paese più povero del Medio Oriente, è in preda ad una grave crisi umanitaria. Secondo le stime delle agenzie che operano nello Stato, 17 milioni di persone non possiedono abbastanza cibo e più di 2 milioni di bambini sono affetti da malnutrizione. Inoltre, dalla fine di aprile, lo Yemen sta affrontando una grave epidemia di colera, che ha infettato più di 29,000 persone e causato la morte di più di 500 individui in un solo mese.

Porto di Aden. Fonte: Wikimedia Commons

Porto di Aden. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Iraq Medio Oriente

Iraq: ultime due battaglie contro lo Stato Islamico

Le forze irachene sono impegnate contemporaneamente nelle battaglie per liberare le ultime due aree sotto il controllo dello Stato Islamico, nei governatorati di Kirkuk e Al-Anbar

Iraq Medio Oriente

Iraq: Erdogan minaccia sanzioni contro il Kurdistan

Erdogan ha minacciato l’imposizione di sanzioni al Governo regionale del Kurdistan, se questo non rinuncerà al referendum

Iran USA e Canada

Usa-Iran: parla Rex Tillerson

In seguito al discorso di Donald Trump all’Onu, il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha incontrato il ministro degli Esteri iraniano, Javaad Zarif

Medio Oriente Turchia

Turchia: potenziate le misure di sicurezza al confine con la Siria

L’esercito turco ha potenziato le misure di sicurezza al confine con la Siria, attraverso l’invio di circa 200 veicoli militari

Siria USA e Canada

Siria: USA evacuano la base di Zank

Le forze americane e gli alleati arabi hanno evacuato la base di Zank che era stata allestita a giugno nel deserto siriano, vicino al confine con l’Iraq, inviando il personale presso al-Tanf

Iraq Medio Oriente

Iraq: al via la battaglia di Al-Anbar

L’Iraq ha annunciato l’inizio delle operazioni militari per sottrarre i distretti di Anah e Al-Rihana, nella zona occidentale del governatorato di Al-Anbar, al controllo dello Stato Islamico


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.