Vertice ispano-portoghese sul Duero

Pubblicato il 31 maggio 2017 alle 6:18 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Spagna e Portogallo hanno celebrato la XXIX conferenza intergovernativa ispano-portoghese; al centro del negoziato le relazioni transfrontaliere, per cui simbolicamente i due premier si sono imbarcati sul fiume Duero in Spagna e sono sbarcati in Portogallo.

Costa e Rajoy s'imbarcano sul Duero. Fonte:lavozdegalicia

Costa e Rajoy s’imbarcano sul Duero. Fonte:lavozdegalicia

Mariano Rajoy e António Costa si sono riuniti nella base aerea di Matacán, in provincia di Salamanca (Spagna), prima di imbarcarsi su uno speciale battello fluviale sulla sponda spagnola del Duero. I due premier hanno compiuto la traversata assieme per sbarcare a Vila Real, in Portogallo, dove hanno incontrato imprenditori dei due paesi prima di tenere una conferenza stampa congiunta e dare il via alla XXIX conferenza intergovernativa.

Al centro del vertice le relazioni transfrontaliere in materia di energia, infrastrutture e ambiente. Da qui la simbologia dell’attraversamento della frontiere fluviale da parte di Rajoy e Costa. I governi di Lisbona e Madrid hanno inoltre concordato una posizione comune a favore del progetto europeo e alle sfide che presenta la brexit. Portogallo e Spagna sono, infatti, gli unici due paesi della UE che contano sul proprio territorio più cittadini britannici di quanti spagnoli o portoghesi vivano nel Regno Unito. Si tratta per la stragrande maggioranza di pensionati che vivono nel sud dei due paesi iberici.

António Costa ha scritto sul suo account ufficiale su Twitter che l’attraversamento della frontiera insieme a Rajoy rappresenta la vicinanza e la comunione di interessi, valori e cultura. Il premier spagnolo ha sottolineato a sua volta la forza della cooperazione luso-spagnola e la comune scommessa sul progetto europeo.

Il vertice è il primo dall’elezione di António Costa alla guida dell’esecutivo di Lisbona nel dicembre 2015. Nel 2016 la conferenza annuale non si è tenuta a causa della lunga instabilità politica che ha vissuto la Spagna.

Nonostante la distanza ideologica e il tentativo – fallito – di dar vita in Spagna ad un esecutivo simile a quello portoghese, l’intesa fra i due leader è stata definita perfetta. In entrambi i paesi i partiti conservatori erano usciti vincitori dalle elezioni dell’autunno 2015. A Lisbona, tuttavia, si è formato l’esecutivo Costa, a guida socialista, con l’appoggio di altri tre partiti di centro e di sinistra, mentre a Madrid, dopo la ripetizione delle elezioni, si è formato un governo conservatore di minoranza.

Appena conclusi i lavori della conferenza Rajoy ha lasciato il Portogallo per recarsi alle Cortes di Madrid, dove il governo dovrebbe approvare la finanziaria 2017, ma può contare su un solo voto di maggioranza, rendendo indispensabile la presenza del premier.

Traduzione dallo spagnolo e dal portoghese a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.