Maggiori misure di sicurezza in Bahrein: arrestati 286 individui accusati di terrorismo

Pubblicato il 25 maggio 2017 alle 6:41 in Bahrein Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero degli Interni del Bahrein ha reso noto che, il 23 maggio, sono state effettuate alcune operazioni di sicurezza presso il villaggio di Deraz.

Ad avviso della autorità locali, il sito era divenuto un luogo di incontro tra individui sospettati e ricercati dalla polizia, perciò, le operazioni mirano ad arrestare tali persone e ristabilire l’ordine e la sicurezza dell’area. Nel comunicato del Ministero, inoltre, è stato chiesto ai cittadini di collaborare con le forze di sicurezza, seguendo le istruzioni date. Ieri, l’Arabia Saudita ha affermato che “la stabilità del Bahrein è parte integrante della sicurezza e della stabilità regno saudita e degli altri membri del Gulf Cooperation Council (GCC)”. La Saudi Press Agency ha riferito che, inoltre, Riyad supporta le misure di sicurezza adottate dalle autorità del Bahrein per mantenere il proprio ordine e la sicurezza dei cittadini, soprattutto nella zona di Darez per fermare le attività destabilizzanti dei terroristi.

Nel corso delle operazioni, sono stati arrestati 286 individui accusati di avere legami con il terrorismo. La maggior parte dei sospettati si trovava nascosta nell’abitazione di Issa Qassim, un individuo al quale le autorità del Bahrein avevano revocato la cittadinanza per legami con l’Iran.

Le forze di sicurezza del paese sono molto attive nella lotta al terrorismo. Lo scorso 28 marzo, è stata smantellata una cellula terroristica di 14 persone, sospettata di essere legata ad un attacco avvenuto il 26 febbraio contro un autobus della polizia, e di pianificare l’uccisione di alcuni ufficiali delle forze di sicurezza locali. 11 degli individui sono stati accusati di avere legami con l’Iran e, in particolare, con Hezbollah in Iraq.

Il Bahrein è paese del Golfo Persico a maggioranza sciita, governato da una monarchia sunnita. Per questo motivo, una delle principali preoccupazioni del sovrano Hamad bin Isa Al Khalifa, oltre a eliminare i movimenti jihadisti presenti nel paese, è quella di contrastare l’attività destabilizzante svolta dall’Iran, il quale appoggia i gruppi sciiti che vorrebbero rovesciare la monarchia.

Forze di sicurezza del Bahrein. Fonte: Wikimedia Commons

Forze di sicurezza del Bahrein. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.