Ucciso un giovane tunisino nel corso delle proteste

Pubblicato il 24 maggio 2017 alle 7:41 in Africa Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un giovane tunisino è stato ucciso nel corso delle proteste di fronte alla stazione di petrolio e gas El Kamour, dove da circa un mese si verificano manifestazioni, mentre altre 12 persone sono rimaste ferite.

Lunedì, un veicolo della polizia è andato accidentalmente addosso al ragazzo, il quale faceva parte della folla di protestanti davanti alla stazione petrolifera. El Kamoir si trova nella regione di Tataouine, a circa 500 chilometri da Tunisi. Le tensioni sono aumentate negli ultimi giorni; per questo motivo, la polizia sta utilizzando lacrimogeni contro la folla, la quale sta tentando di entrare all’interno della stazione.

Tali proteste stanno crescendo da quando il presidente tunisino, Beji Caid Essebsi, ha affermato che il suo esercito avrebbe protetto quelle installazioni economiche molto importanti, respingendo tutti i manifestanti che si lamentano di questioni sociali e lavorative. Domenica sera, il Ministero della Difesa ha pubblicato un comunicato, in cui si legge che le truppe tunisine avrebbero ricorso all’uso della forza verso chiunque sarebbe entrato all’interno della stazione petrolifera. Per evitare ciò, il documento mette in guardia tutti i cittadini riguardo alle procedure legali alle quali andrebbero in contro se coinvolti in scontri con la polizia. “Devono capire che cercare di entrare in un luogo protetto dall’esercito non è un atto pacifico e, se accade, è necessaria una reazione”, ha spiegato il portavoce del ministero, Belhassen Oueslati.

Nel gennaio 2016, la Tunisia è stata scossa dalle proteste popolari più volente mai verificate dalla rivoluzione del 2011, quando venne rovesciato il regime del dittatore Ben Ali. Le tensioni sono emerse in seguito alla morte di un disoccupato 28enne che è rimasto fulminato mentre si arrampicava su un palo della luce nel mezzo di una protesta presso la città di Kasserine.

Proteste in Tunisia. Fonte: Wikimedia Commons

Proteste in Tunisia. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leale all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.