Al-Thani: il Qatar è stato falsamente accusato di supportare il terrorismo

Pubblicato il 24 maggio 2017 alle 15:33 in Medio Oriente Qatar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli esteri del Qatar ha affermato di non aver mai ordinato il ritiro di 5 ambasciatori qatarioti.

Tale affermazione è stata effettuata in seguito ad alcune indiscrezioni attribuite alla Qatar News Agency, secondo cui le autorità del Qatar avrebbero richiamato i propri ambasciatori dall’Arabia Saudita, dall’Egitto, dal Kuweit, dal Bahrein e dagli Emirati Arabi Uniti, mentre l’emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al-Thani, avrebbe affermato che ci sono “tensioni” tra Doha e gli USA, e che l’Iran è una “potenza islamica”.

Ieri, durante una cerimonia per le nuove reclute militari, l’emiro ha riferito chenon è saggio inneggiare ad ostilità con Teheran”, ed ha spiegato che il presidente Trump sta affrontando alcune difficoltà interne riguardo alla questione dei legami con la Russia. Inoltre, Al-Thani ha affermato che la base militare di Al-Udeid, dove sono posizionate sia forze qatariane, sia forze americane, sta proteggendo Doha “da alcuni paesi vicini”, senza però fare alcun nome. Tale base militare, la quale si torva a sud-ovest della capitale, rappresenta il simbolo dell’alleanza tra USA e Qatar. L’emiro ha continuato specificando che il proprio paese ha buoni rapporti con Israele, e che Hamas è il rappresentante ufficiale della Palestina.

Hamas è considerata un’organizzazione terroristica da diversi paesi ed organizzazioni internazionali, primi tra tutti Israele, gli USA e l’Unione Europea.

Ad avviso di Al-Thani, il Qatar è vittima di una “campagna ingiusta” diffusa in concomitanza della visita di Trump a Riyad, e che mira a far apparire il Qatar legato al terrorismo. “Noi denunciamo le accuse di supporto al terrorismo nonostante la nostra partecipazione alla coalizione di paesi che si sono dichiarati contrari all’ISIS”, ha spiegato l’emiro, aggiungendo che “il vero pericolo è costituito da alcuni paesi che hanno assunto visioni estreme dell’Islam, nessuno ha il diritto di accusarci di legami con il terrorismo solo perché non condanniamo la Fratellanza Musulmana, Hamas o Hezbollah. Al-Thani, infine, ha riferito di essere riuscito a costruire buone relazioni sia con gli USA, sia con l’Iran.

Tamim bin Hamad al-Thani, Emiro del Qatar. Foto di Chuck Hagel (11 aprile 2014)

Tamim bin Hamad al-Thani, Emiro del Qatar. Foto di Chuck Hagel (11 aprile 2014)

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Iran Medio Oriente

L’Iran presenta un nuovo missile balistico

L’Iran ha svelato un nuovo missile balistico a lungo-raggio. La notizia giunge dopo lo scambio di battute tra Trump e Rouhani in merito all’accordo sul nucleare

Corea del Nord USA e Canada

Trump ordina l’aumento delle sanzioni economiche contro Pyongyang

Donald Trump ha ordinato l’inasprimento delle sanzioni economiche contro la Corea del Nord, per aumentare gli sforzi volti a isolare il regime di Kim Jong-un

Iran USA e Canada

Usa-Iran: parla Rex Tillerson

In seguito al discorso di Donald Trump all’Onu, il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha incontrato il ministro degli Esteri iraniano, Javaad Zarif

USA e Canada

Il vero significato dell’intervento di Trump all’Onu

Con l’intervento alla 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, il 19 settembre, Donald Trump ha preso le distanze dalle posizioni del proprio predecessore, Barack Obama, segnando un grande cambiamento

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.