Yemen: forze americane uccidono 7 membri di AQAP

Pubblicato il 23 maggio 2017 alle 13:43 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le forze americane hanno ucciso 7 membri di al-Qaeda nella Pensiola arabica (AQAP), nel corso di un’operazione di terra in Yemen.

Il Pentagono ha reso noto che il raid è avvenuto oggi, nelle prime ore del mattino, con l’aiuto della autorità yemenite, e che le truppe statunitensi hanno utilizzato una combinazione di “piccole armi e bombardamenti di precisione” per attaccate il compound dei terroristi presso il governatorato di Magrib. “Raids come questo servono per capire la disposizione dei militanti di AQAP, insieme alle loro intenzioni e capacità, le quali ci aiuteranno a continuare a combatterli efficacemente”, ha spiegato un ufficiale americano, il quale ha aggiunto che l’obiettivo dell’operazione era quello di reperire informazioni utili per l’intelligence. Le uniche vittime sono stati i terroristi, nessun ferito o danno è stato riportato per i soldati americani.

Da quando Donald Trump ha iniziato il proprio mandato presidenziale il 20 gennaio, gli USA hanno aumentato gli attacchi contro AQAP, la quale viene considerata la fazione più pericolosa di al-Qaeda. Tra febbraio e i primi di aprile sono stati compiuti più di 70 raid aerei; nel corso della prima operazione autorizzata dal nuovo presidente, il 9 febbraio, sono morti molti civili yemeniti, tra cui 9 bambini. L’episodio ha sollevato molte critiche verso Trump.

Dalla sua nascita, nel gennaio 2009, AQAP ha sviluppato un’organizzazione letale a livello internazionale, mantenendo la propria base in Yemen. La scarsa sicurezza locale offre all’organizzazione terroristica un ambiente quasi perfetto per operare all’interno del paese e per pianificare operazioni all’estero.

Lo Yemen, dal 19 marzo 2015, sta vivendo una guerra civile combattuta tra i ribelli sciiti Houthi e le forze governative del presidente Hadi, sostenuto dalla coalizione a guida saudita, appoggiata, a sua volta, dagli USA, i quali inviano armi, carburante per gli aerei e riferiscono informazioni dell’intelligence. Le agenzie di aiuti umanitari hanno reso noto che l’epidemia di colera in corso in Yemen sta andando fuori controllo; attualmente, più di 300 persone sono morte nel corso di quest’ultimo mese, mentre migliaia di altre hanno contratto la malattia.

Bandiera Yemen. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera Yemen. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.